Crea sito

“Cafiero”: il primo disco ufficiale di Cafiero

E’ disponibile, in digital download e su tutte le piattaforme streaming “Cafiero”, il primo disco ufficiale di Cafiero. L’artista, noto soprattutto come chitarrista (perché membro della band di Gianluca Grignani e per le collaborazioni con Eros Ramazzotti, Dolcenera, Super Reverb, ecc.), ha dato vita ad progetto cantautorale sorprendente, specchio di una spiccata sensibilità unita al talento.

Un’opera discografica autorevole, appassionante, che rivela, a partire dall’immagine di copertina, l’amore che il cantautore nutre per la musica sin dai primi anni di vita. Un omaggio alla musica rock degli anni ’60 e ‘70 quando il genere usurpa un’ondata rinnovatrice ed, evolvendosi, ingloba svariate culture e stili musicali. La grafica colorata sul corpo del fanciullo, che richiama il fenomeno hippie, esprime un messaggio preciso: i colori agiscono sull’anima, attraverso i sensi, come la musica.

Il percorso emozionante che caratterizza l’ep, prodotto da Andrea Tripodi, si apre con “Non c’è ritorno”, una fotografia della situazione attuale in cui viviamo che cattura all’istante per la schiettezza del testo e  per la potenza del suono; segue “Maledirò”, una sorta di condanna d’amore verso l’amore stesso, brano dal respiro internazionale che genera una particolare forza persuasiva per la bellezza musicale su cui si adagia l’elegante timbro vocale dell’artista; “Feriscimi”, canzone dal ritmo inebriante che parla di un amore passionale, intenso, divorante; per poi giungere a “Se le parole”, ballad sensuale, musicalmente ipnotica.

I due estratti da “Cafiero“, “Maledirò” (tra i singoli indipendenti più suonati dalle radio) e “Feriscimi” (brano con il quale l’artista ha partecipato, nel 2016, al contest “MTV New Generation” e rimasterizzato in occasione della pubblicazione del disco), hanno ricevuto numerosi apprezzamenti da parte della critica musicale e del pubblico. Cafiero è un poeta contemporaneo, tra le novità più interessanti del panorama musicale italiano.

Photo Credit: Daniele Met