Crea sito

>>Masstang si racconta a System failure

1)Benvenuti su System failure! Quali sono le vostre principali influenze musicali?

Ciao Ragazzi grazie a voi di ospitarci su System failure. Nella band siamo 4 entità con background musicali molto diversi tra loro e questo ci permette di sperimentare a 360°. Diciamo che le principali influenze arrivano dalla musica elettronica in stile British, The Prodogy in primis, Chase n status ci hanno ispirato molto, Nero, Rudimental, Moderat, Modestep, Noisia. Altre influenze ci arrivano dall’hip hop, da artisti come Cypress Hill, Nas, Asasp Rocky, e sinceramente anche il buon vecchio crossover anni 90 fa la sua parte.

2)Potete raccontarci come si è formata la vostra band?

Il progetto Masstang è sostanzialmente l’evoluzione del progetto Swordfish che viveva da 10 anni. Con il cambio della voce nella line-up, inserendo Mari che quindi ha una vocalità totalmente differente da quello che facevamo prima, la band ha necessariamente preso una direzione diversa… più moderna a nostro avviso. In pratica ci conosciamo tutti da una vita e suoniamo insieme da molti anni.

3)Come è nata in voi la passione per la musica?

Quando senti che fare una cosa ti piace talmente tanto che non vorresti smettere mai… quando senti che quella cosa ti libera e ti fa stare bene, quando senti che ti manca quando non c’è… credo che sia passione, amore! E può succedere con tutto… a noi succede per la musica.

4)Come nascono generalmente le vostre canzoni? E i testi?

Generalmente lavoriamo prima sulle parti musicali, sui beat e sugli accordi. Inconsciamente queste basi prendono il mood di come ci sentiamo in quel momento, quindi tristi o potenti o scanzonate e in base a questo ci scriviamo sopra. Nei testi descriviamo situazioni reali che abbiamo realmente vissuto, quello che ci piace, quello che odiamo e soprattutto le nostre “visioni”. Sperimentiamo tanto, e cambiamo spesso le carte in tavola… come se un pezzo non fosse mai finito… e io credo che le canzoni non siano mai finite, un po come succede con i quadri.

5)Presentate il vostro progetto musicale a coloro che non lo conoscono…

Masstang è un progetto assolutamente trasversale un sapido mix della nuova club culture. Un a formazione con DJ, Basso, Chitarra e Voce. Piace a chi ascolta musica elettronica, a chi ascolta rock e a quella parte dell’hip hop più aperta alle sperimentazioni. Non ci poniamo limiti e non rimaniamo legati ad un genere in particolare e questo fa si che le canzoni siano veramente una diversa dall’altra. Crediamo che sia un progetto molto coraggioso e “alternativo” perchè NON segue assolutamente tutta la scia “indie” del momento, ma anzi cerca di differenziarsi da tutto il resto.

6)Potete parlarci delle sonorità di Visioni? Come è nato? Avete avuto difficoltà a registrarlo?

Visioni non è stato difficile da registrarle perché alla regia abbiamo avuto il supporto del nostro Produttore artistico BONNOT, che ci ha consigliato e aiutato, prodotto le tracce e mixate nel suo studio… è stata difficile la concezione… sapevamo che stavamo cercando qualcosa ma non era ancora ben chiara e quindi abbiamo rivoluzionato i pezzi più volte. Cercavamo qualcosa di veramente attuale a livello europeo, e allo stesso tempo cercavamo di scrollarci di dosso le vecchie sonorità. Non è stato facile trovare il giusto compromesso per non perdere quell’identità rock che ci ha sempre accompagnato e allo stesso tempo usare elettronica spinta. Siamo contenti del risultato e speriamo che venga apprezzato e compreso.

7)Per favore, nominate la canzone di Visioni di cui siete particolarmente fieri….

Credo che Black Days, Armonix e Visioni siano il manifesto del disco.

8)Ho letto, riguardo Visioni: “Viaggi notturni in strade deserte, pensando, riflettendo, sognando. Nessuno può sapere cosa succede dentro di noi quando i meccanismi si rompono, quando quello che ci circonda comincia a risultare troppo soffocante e limitante”. Provate a commentare…

Vivendo in una piccola realtà di provincia tutto sembra opprimente, noioso e piccolo, visto e stravisto… il mondo è la… e serve una via di fuga!

9)Cosa bolle in pentola per Masstang? Avete altri progetti in cantiere?

Abbiamo iniziato il tour di presentazione dell’album, che ci porterà un po in giro per l’Italia. Allo stesso tempo stiamo già scrivendo pezzi nuovi e vorremmo uscire con un nuovo singolo… quindi siamo sempre indaffarati.

10)Grazie del tempo dedicatoci. Se volete aggiungere dell’altro, siete liberi di farlo!

Grazie a voi ragazzi… che dire… Ascoltatevi il disco e fateci sapere cosa ne pensate, scriveteci su facebook per mail… vi risponderemo sempre. E soprattutto NEVER GIVE UP.