ABBABULA FESTIVAL 2018

Parte domani la 20ª edizione di Abbabula, in programma dal 10 al 14 luglio a Sassari. Sul palco quest’anno anche MOTTA, MALDESTRO, WILLIE PEYOTE, JOHN DE LEO, IOSONOUNCANE + PAOLO ANGELI, SCARDA.

ABBABULA, festival musicale organizzato ininterrottamente ormai da 4 lustri dalla Cooperativa Le Ragazze Terribili, compie 20 anni: un compleanno speciale merita un’edizione speciale. Una location nuova di zecca, l’Arena Concerti che sarà appositamente costruita in piazzale Segni: spazio da vivere anche oltre i concerti – apertura giornaliera cancelli fissata alle ore 19,30 – in piena filosofia ABBABULA.
Quattro giornate in musica, che fra il 10 e il 14 luglio porteranno a Sassari le più interessanti espressioni delle nuove tendenze della scena italiana.

Le Ragazze Terribili, organizzatrici di Abbabula Festival da 20 anni, sono un esempio di imprenditoria culturale al femminile in Italia. Organizzando anche due festival letterari, Sulla Terra Leggeri e Florinas in Giallo sempre in Sardegna, promulgano la creazione di eventi culturali di rilievo regionale, che negli anni hanno richiamato migliaia di spettatori da tutta l’isola, investendo impegno, idee e risorse nella realizzazione di profotti originali e di qualità.

Il CARTELLONE

Martedì 10 luglio riflettori accesi sulla 20^ edizione di ABBABULA e microfono a Riccardo Giacomini, Riky per il pubblico, rapper cagliaritano ex Blatha Fam con all’attivo tre album solisti e una collaborazione con J-Ax alla realizzazione del singolo “Mi Vendo”. Con “Everest” (Machete) scala le classifiche, passa anche dal talent “The Voice” arrivando in semifinale. Il premio? Una nuova collaborazione con J-Ax e nuove storie da cantare in rap.

Da Riki a En?gma & Kaizén, la musica non cambia – lo style resta il rap – ma cambiano la proposta e l’approccio. Il background dice Prodigy e Daft Punk, passando dal metal-crossover per arrivare al’Hip-Hop. Nel 2008 le prime 15 tracce, Olbia il suo palcoscenico, poi gli applausi della penisola, la traccia “Tyler Durden”, il palco condiviso con Salmo. Oggi è produttore di sé stesso, lavora con Kaizén. “Indaco” lo consacra come artista unico nel suo genere.

Sindrome di Tôret Tour è il viaggio che Willie Peyote ha cominciato il 19 maggio a Prato, viaggio che lo trasporterà in Sardegna a chiusura della prima giornata di ABBABULA. Guglielmo Bruno, torinese classe 1985, non ha più bisogno di presentazioni, ha conquistato media e spazi di diffusione musicale, affermandosi nel corso degli ultimi anni come astro crescente del panorama musicale nazionale e non solo.

Mercoledì 11 luglio si comincia con Flavio Secchi e la sua straordinaria chitarra. Dopo “Parole per Chitarra”, uscito lo scorso maggio post fortunata esperienza a Musicultura, l’artista ricomincia il suo percorso di creazione e crescita con nuove canzoni e una band interamente rinnovata: Gianrico Manca alla batteria, Mauro Mulas alle tastiere e Alessandro Atzori al contrabbasso

John De Leo è considerato ad oggi la voce più interessante del panorama musicale italiano. Una voce-strumento, ora calda, grave, ora acuta, graffiante, le cui fondamenta Soul sorreggono un vasto itinerario musicale che spazia dal Jazz, al Rock, al Dub, alla Contemporanea. Una proposta fuori dal comune per un artista fuori dall’ordinario.

Maldestro, pseudonimo del napoletano classe 1985 Antonio Prestieri, è un cantautore italiano. Il teatro lo avvolge e coinvolge, nel 2013 torna alla musica e alcune sue canzoni sbancano alcuni dei più importanti premi italiani (Premio Ciampi, De André, SIAE, AFI, Palco Libero e Musicultura). Il suo primo album merita la targa Tengo come miglior album d’esordio. Premio della critica a Sanremo nel 2017 fra le nuove proposte. Il suo secondo album è “I muri di Berlino”, lo scorso 8 giugno è uscito un disco live acustico (“Acoustic Solo”) mentre a novembre è in rampa un nuovo lavoro in studio.

La terza serata sarà aperta da Elisabetta Usai, che da vincitrice dell’edizione 2017 del piccolo festival “A squarciagola” sale di diritto, e con grande piacere, sul palco di ABBABULA. Dal reggae in limbo alla partecipazione al premio “Parodi”, dal progetto “Archè” alle positive influenze evolutive della musica elettronica. A seguire, sul palco, salirà Gavino Riva in formazione trio con Gian Luca Gadau e Gian Mario Solinas: istrionico musicista bassista da sempre e compositore per vocazione impegnato ad oggi in un nuovo lavoro da solista. Saluto alla luna affidato alle voci, alle suggestioni, all’interpretazione e alle sonorità di Iosonouncane e Paolo Angeli: purissimo distillato di creatività trasformato in performance dal chitarrista di Palau in ensemble con il cantautore di Buggerru, connubio che con “DIE” ha raggiunto il massimo grado di espressività.

Sarà Massimo Carta, chitarrista di 30 anni vulcanico, travolgente, innamorato del blues e del folk americano ma capace anche di digressioni – tanto inaspettate quanto calzanti – fra le perle dimenticate della musica italiana, ad aprire sabato 14 luglio l’ultima serata de festival ABBABULA.

Una candidatura ai David di Donatello 2014 per la colonna sonora del film “Smetto quando voglio” e una alle targhe Tenco 2015 per la medesima “opera prima”: questo e molto di più è Scarda – Nico Scardamaglio – uno di quei cantautori anni 2000 che, sebbene l’epoca, hanno deciso di puntare su uno stile acustico, schitarrato e in generale un po’ retrò ma non pesante.

Toccherà poi alle travolgenti sonorità di Francesco Media “Arrogalla”, compositore elettronico e live performer di Quartu Sant’Elena, invadere gli spazi di suoni e commistioni armoniche nel penultimo appuntamento della serata di chiusura del festival.

Poi spazio a MOTTA, headliner che attualmente rappresenta una delle più interessanti e trasversali proposte del fare musica italiano, che anima il dibattito indie e schiva le etichette di genere proponendosi alla ribalta della stagione musicale con rinnovata verve e maturità artistica.

I PARTNER

Il festival ABBABULA è organizzato dalla cooperativa Le Ragazze Terribili, con il contributo degli Assessorati allo Spettacolo e al Turismo della Regione Sardegna, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Sassari e della Fondazione di Sardegna.

BIGLIETTI & ABBONAMENTI

I biglietti di ingresso alle prime 3 serate del festival ABBABULA costano singolarmente 10 euro (+ prevendita); la serata del 14 luglio costa invece 20 euro (+ prevendita).

Sarà disponibile un abbonamento per l’intera durata del festival al costo di 40 euro.

Chiunque acquisterà il biglietto per una delle serate in programma il 10, l’11 o il 12 luglio avrà in regalo il biglietto per la serata precedente o successiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.