VIVARIUM, IL NUOVO SINGOLO DI VERONICA

In occasione della Giornata Mondiale della Terra – Vincitrice del Premio della Critica al Festival dei Tulipani di Seta Nera con ACUSTICO

VIVARIUM è il nuovo singolo della cantautrice campana Veronica (Veronica Di Nocera), disponibile dal 22 aprile 2022, in occasione della “Giornata Mondiale della Terra”. Il brano uscirà con l’etichetta CDF RECORDS e sarà distribuito da INGROOVES (UNIVERSAL MUSIC GROUP).

Dopo il successo di ACUSTICO, incentrato sull’autismo, il nuovo progetto musicale vede la cantautrice impegnata a confrontarsi con l’importante ed attuale tema del cambiamento climatico. “Vivarium”, infatti, vuole essere una lente di ingrandimento capace di mettere a fuoco non solo le catastrofi ambientali, ma anche quelle umane.

“C’è qualcosa che non va dentro questo Vivarium” cita un verso del brano di Veronica, che ha costruito il testo a partire dalla figura di un alieno che, costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza, si trova catapultato nel 2020. Ciò che vede è un mondo dominato da catastrofi, sia ambientali che umane, all’interno delle quali gli uomini si muovono senza mai fermarsi, anche solo per un istante, a riflettere sulle ripercussioni delle loro azioni.

Come afferma la stessa Veronica – «Ho scelto di chiamare il mio brano “Vivarium” perché, soprattutto negli ultimi anni, la Terra si sta trasformando sempre di più in una fragile e usurata teca di vetro, dove tutti noi viviamo inconsapevoli di come anche un solo cambiamento nell’ecosistema potrebbe causare una reazione a catena irreversibile. Così, questo nostro continuo ignorare ci ha spinto a perdere consapevolezza di quanto ci circonda, arrivando a danneggiare la Terra e, quindi, noi stessi. Il nostro agire, infatti, ha fatto scaturire un meccanismo che ci sta distruggendo anche dal punto di vista morale ed è necessario aprire gli occhi per prendere consapevolezza, il prima possibile, delle conseguenze che già stiamo subendo, prima tra tutte la guerra, triste fotografia della totale perdita di lucidità alla quale stiamo assistendo».

“Vivarium” si presenta come un brano dalle sfumature elettroniche, ispirate a Moby, e da suoni che creano una sospensione spazio-temporale, riproducendo la sensazione di una corsa contro il tempo.

VIVARIUM
Testo e musica di Veronica Anna Di Nocera

Ho aperto gli occhi, era il 2020

Ho chiuso gli occhi e stretto i denti

Ho viaggiato anni luce tra le galassie e i buchi neri

Sola in esplorazione verso mondi nuovi, mondi nuovi

Poi un guasto al motore

Guardo la tua foto ma tu non ci sei e chissà se ti rivedrò mai

Il cuore mi batte forte mentre precipito nell’atmosfera

Una palla di fuoco a picco su una terra lontana

Ho aperto gli occhi, era il 2020

Ho chiuso gli occhi e stretto i denti

Girano, girano, girano

Dentro questo vivarium

Vivono, vivono, vivono

Poi non ci sono più (x3 volte)

Ho aperto gli occhi, era il 2020

Ho chiuso gli occhi e stretto i denti

(x 2 volte)

C’è qualcosa che non va dentro questo vivarium

L’aria è pesante, all’orizzonte fiamme alte, fiamme

Poi l’acqua ha un colore così scuro che non so vedere cosa contiene

Dal cielo cadono bombe sopra le macerie

Loro sono strani, insetti con le mani

Che non usano il pensiero ma la bocca per comunicare

Hanno gli occhi così piccoli e distanti da cuore

Come possono vedere?

Girano, girano, girano

Dentro questo vivarium

Vivono, vivono, vivono

Poi non ci sono più (x3 volte)

Ho aperto gli occhi, era il 2020

Ho chiuso gli occhi e stretto i denti

(x 2 volte)

Girano, girano, girano

Dentro questo vivarium

Vivono, vivono, vivono

Poi non ci sono più (x3 volte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.