Crea sito

>>Ummagma – Antigravity

Ummagma è un duo formato da Alexander Kretov e Shauna McLarnon. Questa band offre un mix alquanto eclettico di alternative pop, synth pop, dream-pop, post-rock, post-punk, shoegaze e space rock. Ummagma offre paesaggi sonori impressionanti. Il loro sound è etereo e pulsante e, a tratti, disegna atmosfere ambient alquanto notevoli.

Oggi vi presentiamo questo lavoro di Ummagma pubblicato nel 2012. Si chiama Antigravity ed è dedicato al tempo, allo spazio e ad ogni cosa che può rendere la giornata più luminosa.

Il primo pezzo di questo album, Lama, è considerato da System failure un vero e proprio capolavoro che fonde dream-pop e ambient in modo assolutamente elegiaco. Lama rende la tua giornata migliore: ti fa sognare, ti emoziona come poche canzoni sanno fare. La voce di Shauna McLarnon è leggiadra e bambinesca ed è nel solco tracciato da tante cantanti di formazioni dream-pop contemporanee. Questo pezzo ci fa respirare un’atmosfera avantpop davvero stimolante. Il sound della canzone è palpitante, è inebriante: è un vero e proprio tripudio di suoni che si intrecciano fino ad arrivare all’orgasmo, è un tripudio di suoni che conduce in una dimensione fantastica.

Perchè Lama è un capolavoro? All’inizio la profondità dei muri sonori e i suoni ripetitivi si combinano perfettamente. La voce bambinesca di Shauna è perfetta, come già detto. I suoni ripetitivi entrano nella testa come un’ossessione. I tappeti sonori generano come un vuoto e si oppongono al cantato in un contrasto davvero forte.  Poi c’è un climax ed è oltremodo intenso: è la colonna portante della canzone. Dopo il climax c’è una cavalcata sonora. E poi un altro climax ancora più forte e intenso. Due climax. Insostenibili per le emozioni umane! Essi generano la forza e la potenza della canzone!

Micro macro è scura e vibrante: arrivano anche sprazzi di luce pulsanti in questa canzone. L’elettronica in questo pezzo è proprio stupenda e trepidante. Back to you è poetica e profonda. Celebra la caduta nel vuoto, un vuoto sonoro abissale.

Poi arriva Kiev, uno dei migliori pezzi dell’album, un pezzo che infonde tanta energia e positività. Una malinconia di ineffabile bellezza attraversa le canzoni di questa band come un filo rosso di seta. Kiev è alquanto trip-hop: è lieve e leggiadra e, come le altre canzoni di questa band, mostra una ricercatezza sonora maniacale. Come non entrare nel “fumetto” di Ummagma, come non diventare uno dei personaggi dei loro fantastici mondi sonori.

Live and let die offre tanta luminosità: la luce è uno dei temi dominanti in questo album. E’ pericoloso ascoltare questa band! Si rischia di rimanere intrappolati nelle loro maglie sonore alquanto ammalianti. Con Colors arriviamo in un “paradiso artificiale” di incomparabile bellezza. Photographer disegna paesaggi sonori intensi, struggenti e palpitanti.

Beautiful moment parte in modo morbido e delicato e poi si apre con un’esplosione sonora alquanto suggestiva. Autumnmania è un altro gioiello di questo album. Pulsante e arrembante offre dei suoni dorati, pieni di fulgore. Sofisticatezza ed eleganza sono tra le costanti di questo duo dream-pop dalle grandi capacità e qualità.

Balkanofellini è buffa e circense. Titry è labirintica e complessa mentre 1+1=3 ci porta in un’atmosfera alquanto criptica ed emozionante. 1+1=3 è come un sigillo a questo album di pregiata fattura, ci presenta l’approdo in un lido pieno di luminescenza, un lido dove i nostri sogni possono finalmente realizzarsi.