Crea sito

>>Strage al college in Oregon

È di dieci morti e dieci persone ferite, alcune in gravi condizioni, il bilancio della tremenda sparatoria avvenuta in un istituto scolastico americano in Oregon, l’Umpqua Community College di Rosenburg, . L’autore della mattanza è stato identificato come il 26enne Chris Harper Mercer, un ragazzo che non frequentava la scuola ma viveva nella zona del College in un appartamento, probabilmente con la madre. Stando alle prime ricostruzioni dell’accaduto, l’uomo si sarebbe presentato nell’istituto armato di tre pistole e almeno un fucile, oltre ad una grande quantità di munizioni. Dopo aver colpito ameno una ventina di studenti del college, l’uomo è stato ucciso in un scontro a fuoco dagli agenti di polizia giunti sul posto.

Secondo i media locali aveva anche un giubbotto antiproiettile, ma non è chiaro se lo indossasse al momento della sparatoria. Gli inquirenti ora stanno cercando di capire quali siano le motivazioni dietro l’ennesima strage in una scuola.

Proprio per accertare il movente dell’assalto la polizia sta ora scandagliando i profili social del giovane e le sue attività sul web nelle ultime ore. Secondo alcune indiscrezioni, non confermate ufficialmente, infatti il 26enne avrebbe annunciato su alcuni forum la strage imminente avvertendo di stare lontani da quella scuola, mentre su altri siti faceva riferiremo a motivazioni religiose. In alcuni profili online sembra si definisse “conservatore” e sottolineava che non gli piaceva “la religione organizzata”. Stando alle prime testimonianze raccolte in effetti pare che prima di aprire il fuoco il killer abbia chiesto agli studenti di alzarsi in piedi e dire quale fosse la loro religione.

“Mai più condoglianze per fatti come questo” ha tuonato Obama dalla Casa Bianca in una sofferta conferenza stampa sull’accaduto dove ha invitato nuovamente il Paese a dire no alle armi facili. “Di fronte questi episodi che si ripetono le preghiere non bastano” ha dichiarato il Presidente statunitense commentando la tragedia nel college dell’Oregon, sottolineando: “Siamo l’unico Paese moderno al mondo che vede questo tipo di sparatorie quasi ogni mese. Sono diventate una routine“. “Siamo tutti collettivamente responsabili” per questo tipo di tragedie” ha concluso Obama. Intanto la comunità di Roseburg, ancora sotto shock per l’accaduto, ha organizzato una grande fiaccolata in ricordo delle vittime della strage all’Umpqua Community College. I residenti della città a sud di Portland si son radunati in un parco non lontano dal college dove hanno intonato canti e preghiere.

continua su: http://www.fanpage.it/strage-al-college-in-oregon-l-assalitore-e-un-26enne-ucciso-dalla-polizia/

http://www.fanpage.it/