Solmeriggio – Deux petites vagues part.1

I Solmeriggio sono un trio ravennate, che nasce nel settembre del 2016 da un’idea di Agnese Alteri (Votantonio! – Sisthema) e Davide Santandrea (Transgender). Terminata un’esperienza comune in bilico tra musica e poesia, i Sylvia9 dedicata alla poesia di Sylvia Plath i due decidono di rimboccarsi le maniche e mettersi alla prova con un nuovo progetto musicale che prende il nome di Solmeriggio. La volontà è quella di unire il piacere di raccontare storie tipiche del folk, con sonorità acustiche di strumenti classici: chitarra e violoncello e beat minimali presi dell’elettronica. A ottobre, si aggiunge al duo, la violoncellista Marcella Trioschi (Interno 3).

Iniziano a prendere forma i primi brani, caratterizzati da un sapore mediterraneo ed europeo e testi a tratti surrealistici, che raccontano storie unite da un comune denominatore, il mare. Durante il mese di febbraio vengono registrate, mixate, masterizzate e autoprodotte presso il Binarioweb, 5 tracce inedite che fanno parte del primo ep: Deux petites vagues part.1 – disponibile online dal 28 febbraio 2017. Il titolo prende spunto da un verso di una famosa poesia di Jacques Prévert citata all’interno di Formentera, una delle tracce dell’EP. La registrazione vanta inoltre della speciale partecipazione di Vincenzo Vins Baruzzi frontman della band ravennate The Doormen, nel brano ‘Come down by the water’.

Deux petites vagues part.1 è idealmente pensato come la prima metà di un album che si concluderà con la registrazione di una seconda parte a distanza di 6 mesi, che chiuderà idealmente il percorso già tracciato. System failure ha ascoltato Deux petites vagues part.1 e quelle che seguono sono le nostre considerazioni a riguardo.

Ascoltare i Solmeriggio è come farsi cullare dalle onde del mare in un esperienza onirico-immaginativa di grande effetto e trasporto. La poesia che riesce a trasmettere questa band è piena di fascino, è intensa e profonda e ci ha colpito tanto. Le loro sonorità a metà fra folk, indie rock e cantautorato non possono che stupire l’ascoltatore che si avvicina a loro. A tratti questa band ci ha fatto pensare a Carmen Consoli. I Solmeriggio ci spiegano cosa c’è nell’immensità o nel profondo: le loro note oltremodo ammalianti ci scuotono dal nostro “sonno perenne” per riportarci nella realtà. È bello “svegliarsi” con la musica dei Solmeriggio. Le 5 tracce di Deux petites vagues part.1 sembrano arrivare da un mondo metafisico e trascendentale, un mondo “utopico” ed irreale dove provare sensazioni ed emozioni irripetibili.

Deux petites vagues part.1 è consigliato per quei momenti di solitudine di cui tutti quanti abbiamo bisogno, momenti di solitudine da contrapporre alla frenesia del quotidiano che troppo ci assale. Allora lasciamoci trasportare dalle loro “onde marine” che tanto emozionano la nostra anima, lasciamoci trasportare dalle loro suggestioni sognanti e palpitanti…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.