>>She Was Nothing – REBOOT

System failure ha il piacere di presentarvi l’uscita di REBOOT, il secondo disco di She Was Nothing. L’album è stato interamente prodotto dalla band e mixato da Alessandro Bavo (Subsonica, Linea 77, Punkreas, Levante, Velvet). Il mastering è stato affidato a Eleven Studio di Andrea De Bernardi. Rispetto all’album precedente, Dancing Through Shadows, dalle sonorità dal metal all’elettronica, questo album presenta sonorità drum and bass, EDM ed alternative rock. Inoltre, REBOOT è un disco fortemente introspettivo e tratta tematiche sociali e personali. System failure ha ascoltato REBOOT con molta attenzione e quelle che seguono sono le nostre considerazioni a riguardo.

Il drum and bass domina in questo album che ci ha fatto pensare tra l’altro ad un’altra band italiana dal nome Masstang(della quale abbiamo parlato su System failure https://www.systemfailurewebzine.com/masstang-visioni/) che presenta sonorità molto simili ma le propone mischiandole con il rap e l’hip hop. In She Was Nothing, rispetto a Masstang, invece, l’impronta rock è molto più evidente.

Le canzoni che troviamo in REBOOT sono dinamiche, sono vorticose, a tratti stupendamente frenetiche e fanno pensare a formazioni come Prodigy, Modestep, The Qemists e Chase & Status. Non mancano suggestioni atmosferiche in questo album dove l’elettronica ha un ruolo predominante. Una cosa è sicura: con She Was Nothing è annoiarsi è impossibile! La loro musica è come un fiume in piena che ti travolge!

Il sound di She Was Nothing è giovanile, fresco ed accattivante. E’ davvero catchy. Infatti, spesso questa band sfocia nel pop con le sue sonorità. Talvolta in She Was Nothing ascoltiamo anche suggestioni synthpop in stile Depeche Mode, suggestioni synthpop che conferiscono tanta profondità e magia al loro sound.

Man Vs Beast è di sicuro la traccia che preferiamo in REBOOT, un album stupendo per gli amanti di sonorità drum and bass, EDM ed alternative rock fuse tra loro. Il rock elettronico di She Was Nothing prende spunto da tante band simili: nonostante questo risulta abbastanza originale oltre che tanto coinvolgente e trascinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *