Crea sito

>>Roipnol Witch – Starlight

Starlight è il terzo album di Roipnol Witch, band formata da Giulia Guandalini(chitarra, voce), Martina Guandalini(basso, voce), Francesca Bedogni(chitarra) e Massimiliano Coluccini(batteria).

Dal comunicato stampa giunto a System failure, riguardo questo album, leggiamo che:

Prodotto e distribuito dalla milanese Maciste Dischi, Starlight è un disco metropolitano e cosmopolita, dove amori finiti e sensualità fatale sono lo sfondo costante della città, vissuta anche come luogo dell’anima. Il femminismo quasi spregiudicato e lo spirito dinamico ed eclettico del disco lasciano comunque spazio ad una sottile ironia che accarezza tutti i brani dell’album.

System failure ha ascoltato Starlight e quelle che seguono sono le nostre considerazioni a riguardo. Il sound di Roipnol Witch può essere collocato in vari generi, da quello che ascoltiamo in Starlight: pop punk, new wave, alternative rock, pop(dreampop). La timbrica vocale delle sorelle Guandalini è uno dei pezzi forti di questa band, band che sa come ammaliare l’ascoltatore con l’ausilio di sonorità vispe e vivaci oltre che magiche ed incantate.

Il sound di Roipnol Witch è prezioso e pregiato, è per chi ha un palato sopraffino. È anche un sound ricco e multiforme. Le loro canzoni sono diverse una dall’altra: sono come lampi di luce che ci investono, lampi di luce che incutono tanto fascino.

In Starlight Roipnol Witch sembra aver dato vita ad un’eccentrica fusione tra le Hole di Courtney Love, Grimes e Computer Magic.

Non finisce qui. Starlight sembra anche un laboratorio dove si è tentato l’esperimento di portare Donatella Rettore nella post-modernità, esperimento ottimamente riuscito a nostro giudizio.

Con sonorità spesso spregiudicate, ma talvolta anche dolci e delicate, questa band ci porta in un luna park dai colori scintillanti, un luna park di suggestioni magnifiche. Le effusioni sonore che ascoltiamo in Starlight trasmettono un’entusiastica euforia di vibrante energia. Allora come non consigliare questa band ai nostri lettori, una band che sa come “stregare” l’ascoltatore con la sua pozione magica creata con cura maniacale.

pagina facebook