Crea sito

>>Revival dei totalitarismi

 

In tutta l’Europa assistiamo ad una sorta di “revival” dei totalitarismi che la storia aveva già relegato nel passato. Cominciamo dalla Grecia, il paese più afflitto dalla crisi economica: è proprio in Grecia che è nata Alba “Dorata”, formazione politica filonazista, razzista e antieuropeista. Sempre in Grecia vi è anche Syriza, partito della sinistra antagonista greca, filocomunista e parzialmente antieuropeista.

Passiamo all’Italia ora. In Italia, oltre alle varie formazioni di destra come Forza Nuova e l’estrema destra e alla Lega nord, partito che ha tra i suoi punti di forza l’avversione contro l’integrazione degli extracomunitari, ora è presente in modo molto importante anche Beppe Grillo e il suo Movimento 5 Stelle, una formazione, sebbene non di destra, fortemente antieuropeista e dai modi totalitaristici, con un leader che dall’alto sembra impartire istruzione ai suoi adepti.

In Francia, nelle ultime elezioni si è avuto l’exploit dell’estrema destra di Marine Le Pen: partito fortemente antieuropeista e ostile all’integrazione degli extracomunitari.

Inoltre in tutta Europa, da un po di anni, i partiti di estrema destra e estrema sinistra sono in crescita, soprattutto per il malcontento generato dalla crisi economica.

Per quanto riguarda solo i totalitarismi di destra filonazisti abbiamo un forte aumento di xenofobia e razzismo, di intolleranza verso il prossimo che è diverso da noi o che non proviene dal luogo in cui abitiamo.

Tutto ciò è un vero campanello d’allarme per tutti gli stati europei che oltre a farsi carico dei problemi relativi alla crisi economica si devono assumere l’onere di confrontarsi anche con questi “grattacapi” nati in seno alla crisi economica stessa