Crea sito

>>Proposte per uscire dalla crisi dell’euro

 

  1. Tassa sulle transazioni finanziarie: molti paesi la propongono ma si è lontani dall’attuazione della stessa perchè è un pericolo per quei paesi dove la finanza è molto potente, come ad esempio l’Inghilterra
  2. Uscita dall’euro di alcuni paesi come la Spagna e la Grecia: le loro economie non sono forti come quelle dei paesi del nord Europa quindi dovrebbero dichiarare default e uscire dalla moneta unica. L’eventuale uscita dalla moneta unica e l’adozione di una moneta svalutata rispetto all’euro rilancerebbe le loro economie. In alternativa a tutto questo maggiori aiuti dalle economie più forti dell’Europa.
  3. Spesa pubblica “buona”, in senso keynesiano: può portare alla ripresa economica dell’eurozona. Quindi maggiore partecipazione del pubblico e dello stato nelle economie.
  4. Maggiore unione europea e maggiore solidarietà tra gli stati dell’unione. L’Europa deve diventare più unita sia dal punto di vista economico che politico
  5. Imporre un tetto ai guadagni degli operatori di borsa e attuare controlli sui movimenti di capitale
  6. Non dovrebbe essere permesso alle agenzie di rating di abbassare la valutazione di insolvenza di uno stato: l’azione delle agenzie di rating è destabilizzante per l’intera economia mondiale
  7. Garantire l’acquisto dei titoli pubblici da parte della BCE
  8. Conversione in senso ecologico del modello economico neoliberista: minore sfruttamento delle risorse non rinnovabili con conseguente incentivazione all’uso delle energie alternative e all’aumento del risparmio energetico
  9. Maggiore tassazione dei redditi molto elevati
  10. Ridurre fortemente il fenomeno dei paradisi fiscali