Crea sito

>>Movimenti post-ideologici

Lyotard suggerisce che è finita l’era dei grandi racconti, delle grandi narrazioni(comunismo, nazismo, fascismo, cristianesimo, marxismo). Vattimo in sintonia con Lyotard afferma che il passaggio dal moderno al postmoderno si configura con un passaggio da un pensiero “forte” ad un pensiero “debole”. Per pensiero forte si intende un pensiero che parla per verità assolute, per esempio l’illuminismo o i vari totalitarismi che si sono avvicendati nella storia; per pensiero debole si intende un pensiero plurale costituito da tante verità molteplici il quale domina la nostra società contemporanea.

Tutto ciò detto finora è una delle caratteristiche della società postmoderna, della società contemporanea: la frantumazione delle verità assolute, l’eccessiva frammentazione, le verità molteplici.

In passato abbiamo visto il successo del movimento degli “Indignados” in Spagna o il successo di “OccupyWallstreet” a New York. In tempi recenti in Italia stiamo assistendo all’esplosione del Movimento 5 stelle.

Cosa accomuna questi movimenti?

Il loro essere post-ideologici, né di sinistra né di destra. Oltre a questo il loro carattere postmoderno è evidenziato dal loro successo grazie allo strumento postmoderno per eccellenza ossia internet e le sue verità molteplici, la sua dispersione, la sua frammentazione al massimo livello etc.

Questi movimenti ci fanno capire che tanti giovani d’oggi quando hanno a che fare con la politica non ragionano più in termini di sinistra o destra ma si riferiscono piuttosto ai temi per cui lottare, per cui manifestare.

2 thoughts on “>>Movimenti post-ideologici

  1. Il passaggio dai movimenti ideologici ai postideologici può considerarsi certamente un fatto positivo.Sarebbe ora di passare dalla democrazia rappresentativa e “ideologica”(fondata sul culto della nazione,della classe o del popolo ma in realtà sempre strumento delle oligarchie politiche e economiche) a quella diretta.Saluti.

  2. condivido con quanto scritto da Salvo e comunico quanto segue:

    Presentate a Montecitorio le firme per l’Iniziativa “Quorum Zero e Più Democrazia”.

    A seguito del successo raggiunto nella raccolta firme per la Proposta di Legge di Iniziativa Popolare “Quorum Zero e Più Democrazia”, il Comitato promotore ha depositato ieri venerdì 24 agosto 2012 a Montecitorio le 52.680 firme di cittadini sottoscrittori.

    L’obiettivo è stato raggiunto grazie al lavoro di diverse centinaia di cittadini sparsi in tutta Italia e all’estero che hanno contribuito all’importante successo di questa proposta, senza aiuti da parte di organizzazioni partitiche o sindacali. Raccogliere le firme per questa Iniziativa è stato particolarmente difficile a causa dell’elevato numero di articoli presenti e dalla sostanziale mancanza di elementi puramente attrattivi che solitamente invogliano a firmare.

    Questa proposta di legge costituisce una rivoluzione culturale nella politica italiana e allineerebbe l’Italia a molti paesi del mondo democraticamente più avanzati come Svizzera e California.

    L’obiettivo è modificare alcuni articoli della Costituzione della Repubblica Italiana migliorando gli strumenti di democrazia diretta rendendoli efficaci permettendo quindi ai cittadini di esercitare la propria sovranità come previsto dall’Art. 1 della Costituzione stessa.

    Il Comitato Quorum Zero e Più Democrazia continuerà a lavorare affinché questa proposta segua l’iter previsto dalla legge in tempi congrui e ragionevoli. La nostra proposta sarà annunciata nell’Allegato A del rendiconto della prossima seduta della Camera dei Deputati, quella del 5 settembre 2012, nel frattempo sarà già iniziata la verifica delle firme che si concluderà entro un mese circa. Successivamente la nostra proposta sarà assegnata alla Commissione attinente, probabilmente la Commissione Affari Costituzionali, che la dovrà esaminare.

    Per questa ragione il Comitato promotore chiede a tutti coloro che hanno fin qui collaborato di continuare insieme questa battaglia di civiltà.

    Per informazioni e restare in contatto http://www.quorumzeropiudemocrazia.it
    Per il Comitato “Quorum Zero e Più Democrazia”

    Gianni Ceri

    Fabio Zancan

    [email protected]

Comments are closed.