>>Montauk – Vacanza/Gabbia

Qui parliamo del nuovo album dei Montauk. Il disco, battezzato “Vacanza/Gabbia” uscirà il 27 Gennaio per Labellascheggia (etichetta che si è già occupata della pubblicazioni, in tiratura limitata, dei lavori di Cosmo, I Camillas, EffePunto e altri ancora).

I Montauk vengono da Bologna e alle spalle hanno già un album e una serie di pezzi inclusi in diverse compilation (di cui la più nota è certamente This Is Not A Love Song).

Dal comunicato stampa giunto a System failure leggiamo che:

Montauk è la spiaggia in cui Joel Barish e Clementine Kruczynski s’incontrano per la prima volta nel film Eternal Sunshine Of The Spotless Mind. Montauk è il luogo degli esperimenti sulla mente umana del Montauk Project. Una presunta serie di esperimenti governativi segreti degli Stati Uniti, che si sarebbero svolti alla base di Camp Hero oppure nella Montauk Air Force Station nella località di Montauk, sull’isola di Long Island, con lo scopo di sviluppare procedure di guerra psicologica. Montauk è una leggenda urbana o semplicemente un luogo interamente fatto di bugie. Una attraente sceneggiata. Montauk esiste e non esiste allo stesso tempo, è la contemporaneità. Montauk è come lì fuori. Un’illusione data da un grattacielo vista dalle finestre di uno squallido condominio “light hardcore” cantato in italiano? Spaghetti e mandolino in un ristorante americano sulla circonvallazione di Bologna o Milano? Un immaginario musicale popolare e metropolitano. Parole e musica raccolte in giro per la città, mescolate con quello che siamo.

La musica dei Montauk è un alternative rock rabbioso e pieno di irruenza. Ascoltandoli si riceve come un colpo nello stomaco. Le loro bordate sonore sono piene di passione e tormento. Oltre all’alternative rock ascoltiamo influenze punk e indie rock nel loro Vacanza/Gabbia. Con questo disco pensiamo a band come Marlene Kuntz e Verdena. Il loro sound è incredibilmente poderoso e si caratterizza spesso per suoni distorti che mirano al noise rock.

Talvolta si ascoltano anche passaggi cupi in stile grunge o alternative metal: infatti il sound di Montauk è molto variegato: i nostri riescono a fondere diverse influenze musicali generando un amalgama sonoro di grande effetto, amalgama sonoro che si accompagna con un cantato spesso straziante.

Un’altra cosa da citare assolutamente di questa band: i testi talvolta contengono invettive feroci, invettive urlate con grande animosità. Montauk è una sberla in pieno viso, è una tempesta che tutto travolge…Allo stesso tempo in questo album non mancano dei passaggi dolci e delicati, passaggi di grande profondità…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *