Crea sito

>>Massificazione e persuasione

La società dell’immagine, espressione del sistema-società neoliberista, si serve della “persuasione” con la pubblicità, i messaggi dei media, la propaganda della tecnologia e dell’innovazione. Gli individui “impressionabili”, “suggestionabili” accettano opinioni, verità molteplici, stili di vita, prodotti da consumare e da comprare, modelli etici e comportamentali etc.

La società contemporanea produce massificazione e appiattimento culturale.

L’individuo-massa è privo di autonomia e coscienza critica: agisce in base ad influenze esterne, obbedisce a stimoli, idee, concetti e nozioni, fa molte cose che gli vengono propinate etc.

Ascolta personaggi influenti, vip, personaggi della politica, messaggi pubblicitari, “propaganda multimediale”, ed esegue tutta una serie di azioni “veicolato”, “controllato”, reso “passivo e impotente”.

In un’epoca di massificazione gli individui seguono tutto ciò che è diffuso dai media, strumenti al servizio del sistema-società neoliberista.

La persuasione in alcuni casi diventa una sorta di “coercizione forzata”, come il fatto che si vuol far credere ad una moltitudine di persone che vi sia una sola visione economica o politica.

L’unica visione economica e politica è propagandata dai mercati, dalle banche, dalla finanza, dalle lobby finanziarie e dai poteri forti, i quali tutti insieme dettano legge a governi e stati che sono complici.

Un’unica visione che assume i connotati di una “dittatura”, “una dittatura del pensiero e dell’opinione comune”, una dittatura che “fa cadere la sua scure” su noi cittadini che siamo costretti ad accettare tutto ciò che ci viene propinato.