>>Love in Elevator – Unlocked LP

Beyond Your Inner Sea”, nuovo brano firmato Love in Elevator, è in streaming e free download sul soundcloud della band. Il brano, un denso intreccio di armonie vocali e strumenti ritmici, segue il singolo “Unlocked”, uscito lo scorso giugno. “Unlocked” e “Beyond Your Inner Sea” appariranno in un 45 giri, prodotto da Coward Records e disponibile a gennaio.

BIO

Love in Elevator nasce a Venezia nel 2004 attorno alla figura di Anna Carazzai. Il nome della band vuole essere un omaggio a due band di culto della psichedelia anni 60: i Love e i 13th Floor Elevators, ma la band si esprime piuttosto in territori post-grunge alternative rock. Per l’indipendente Jestrai Recors, nel 2004 incidono il primo EP “Venoma” e nel 2005 il primo full lenght “Sue Me”, dove figura anche la cover di “Afterhours” dei Velvet Underground, registrata e mixata da Alberto Ferrari dei Verdena e che vede invece Luca Ferrari (Verdena) alla batteria. Nel 2008, dopo diversi tour al fianco di Tre Allegri Ragazzi Morti, One Dimensional Man, Art Brut (UK), Verdena, e importanti festival tra cui Rock in Idro nel 2005, e con una nuova formazione che da quartetto li vede trasformati in power trio, esce il secondo full lenght “Re Pulsion”, anch’esso prodotto da Jestrai, e con la partecipazione di Franz Valente (Il Teatro degli Orrori) alla batteria.

Questo è l’album che meglio mette a fuoco l’anima di questo progetto: strati di riff grondanti di bontà grunge e post punk e la voce sbarazzina e impressionante di Anna, timbro distintivo della band, che alterna ringhiate aggressive a dolcezza infantile.

Il terzo album “Il Giorno dell’Assenza” esce nel 2010 per E&F/Go Down Records/ Audioglobe ed è l’unico album della band completamente cantato in italiano: il primo singolo “Mata Hari” si aggiudica numerosi passaggi televisivi su MTV, Radio DeeJay TV, Rock TV, etc. Love in Elevator ha collezionato tour in Italia, Francia e Germania, ed è una delle poche band italiane ad aver avuto l’onore di essere stata in tour con Shellac, Mudhoney, Meat Puppets e Refused come supporto ufficiale nei tour italiani. Nel 2012 sono stati una delle pochissime band italiane scelte per partecipare al prestigioso festival inglese “All Tomorrow’s Parties”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.