LAST MINUTE TO JAFFNA: “Quattro” esce il 24 novembre

Quattro è il nuovo ep dei Last Minute To Jaffna. A due anni di distanza dal secondo full length, questo ep contiene due pezzi e introduce alcune novità per la band. Innanzitutto il titolo, che pur proseguendo nella numerazione, è in italiano. Poi, per la prima volta dal promo autoprodotto del 2006, le tracce non sono più capitoli ma hanno veri e propri titoli. E se il suono della band è sempre riconducibile al post-metal più scuro, venato di sludge, noise, black e ambient, la struttura dei brani è più semplice, i riff più pesanti, le atmosfere più rarefatte. Alcuni elementi introdotti nel disco acustico Volume III sono entrati a far piena parte del suono della band, come l’uso di voci effettate, tappeti di riverbero e sintetizzatori per dare più profondità.

Lili Refrain contribuisce magistralmente prestando la sua voce al finale di Sandness, il primo dei due brani dell’ep, donando ulteriore epicità ad uno dei riff più doom mai scritti dalla band.

Questo ep è anche l’ultimo lavoro fatto dalla band col suo storico batterista Andrea Pellegrino, che dopo le registrazioni è stato sostituito da Alain Lapaglia, già nei Morkobot.

La produzione è di Danilo Battocchio (chitarrista della band, nonché produttore di Tons, Tutti I Colori Del Buio, Buioingola) che ha registrato i brani assieme a Paul Beauchamp (Larsen, Father Murphy, XXL) e li ha poi missati. Il master è stato fatto da James Plotkin (Sunn-O))), Isis, Khanate).

Quattro esce il 24 Novembre 2017 per Bare Teeth Records, in edizione limitata di 200 cd con artwork di Ianvs serigrafato su cartonato riciclato

“QUATTRO” release party:

25.11.17 Magazzino Sul Po, TORINO
EVENTO FACEBOOK

BIOGRAFIA
Last Minute To Jaffna nasce a Torino a metà degli anni Duemila. Torino è famosa per essere la città più oscura e magica in Italia, e la musica della band – pesante e atmosferica allo stesso tempo – ne ha sicuramente risentito. Il primo ep autoprodotto (2006) permette loro di cominciare a suonare sia in Italia che all’estero.

L’album di debutto Volume I (2008 – Consouling Sounds, Concubine, Hypershape) segna un’evoluzione del loro suono, e anni dopo verrà inserito dalla influente webzine Osservatori Esterni tra i migliori dischi post metal italiani. L’anno successivo l’etichetta canadese Abridged Pause inserisce un loro brano nella raccolta Diluvian Temperals. Il 2011 segna una svolta importante nella storia della band: a seguito di un concerto acustico in apertura per Scott Kelly dei Neurosis ri-arrangiano parte del loro materiale in acustico assieme a Fabrizio Modonese Palumbo (Larsen, (r), Almagest!) e il risultato diventa Volume III (2014 – Bare Teeth Records). L’anno successivo esce il secondo disco di studio, Volume II (2015, Argonauta), che li consacra tra i massimi esponenti del post metal in Italia.

I Last Minute To Jaffna hanno suonato in Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda e Svizzera dividendo il palco assieme a bands come Isis, Wolves In The Throne Room, Ufomammut, Zu, The Ocean, Celeste, The Secret, Kylesa, Callisto, Lesbian, Lento, Il Teatro Degli Orrori e molti altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.