>>Lanificio 25 e SoundFly presentano: SLIVOVITZ in concerto – Presentazione nuovo album “Liver”

Registrato nel maggio scorso durante un concerto alla Casa di Alex di Milano, “Liver” degli Slivovitz raccoglie in vinile l’impronta “analogica”, caratteristica delle intense performance live del gruppo napoletano: disponibile in pre-order su Musicraiser dalla metà di gennaio per la neonata etichetta SoundFly, il disco ripropone il repertorio dei quattro album precedenti, partendo dall’esordio “Mai per comando”, passando per “Bani Ahead” e per il recentissimo “All You Can Eat”, fino ad offrire, in chiusura, una singolare cover dei Nirvana (nello specifico, “Negative Creep”).

Nell’esordio in vinile della band jazz-rock, nessuno dei sette musicisti partenopei sembra risparmiarsi, offrendo un live energico dagli assoli dilatati: Marcello Giannini, Pietro Santangelo, Riccardo Villari, Derek di Perri, Ciro Riccardi, Salvatore Rainone e Vincenzo Lamagna suonano come fossero un unico organismo, evolutosi negli anni dalla coesione e dalla collaborazione di sensibilità diverse quanto complementari. Dopo un anno e mezzo lontani dalle scene, dunque, gli Slivovitz tornano finalmente ad esibirsi a Napoli: venerdì 3 marzo, infatti, sarà il noto Lanificio 25 la cornice scelta per presentare ufficialmente “Liver”, a testimonianza del carattere “acido”, quasi violento e tribale, delle loro performance. Ingresso 6 euro con tesseramento gratuito.

Bio

Slivovitz è un collettivo musicale nato nel settembre 2001 e da allora non ha mai smesso di suonare, muoversi, crescere, cambiare forma e direzione, sempre nelle armonie e melodie della musica strumentale correlata all’etno-jazz rock. Nevrotici, inquieti, frenetici, mai statici, partendo da Napoli, che hanno suonato in tutta Italia per approdare anche all’estero. Ungheria (Budapest Sziget Festival, Debrecem, Veszprem, Ocs …), Germania (Berlino), Spagna (Barcellona), Serbia (Nisville Jazz Festival, Belgrado) Croazia (Zagreb) e in Austria (Mumyuha Festival Hochneukirchen).

In questi anni hanno pubblicato quattro dischi: Slivovitz (Ethnoworld 2005), Hubris (registrato nel 2007 e pubblicato dalla Moonjune nel 2009), Bani Ahead (Moonjune 2011) All You Can Eat (Moonjune 2015).
Sono in procinto di pubblicare il loro primo album dal vivo in vinile pesato 180 grammi. Una scelta di campo, una scelta di suono. Una edizione limitata già in procinto di diventare un “CULT”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.