Crea sito

>> La “produzione” dei modelli

La nostra società ipertecnologica e avanzata, elabora tantissimi prodotti che servono per gli usi più svariati: dai computer per il lavoro e l’intrattenimento, ai telefoni cellulari per comunicare, ascoltare musica, fare foto e video, collegarsi ad internet etc.Questi vengono venduti per i loro usi molteplici, ma anche per altro. Innanzitutto essi esprimono uno status sociale, condizioni di lusso o di privilegio, appartenenza ad un determinato ceto sociale. Esternano, in più, anche pensieri, idee, stili di vita, rendendo chiari modelli etici e comportamentali.

I modelli

La cosa più importante è che essi vengono venduti per quello che rappresentano e non solo per le funzioni che possono svolgere. I prodotti inoltre rimandano anche a “modelli” tecnologici a cui si ispirano infiniti prodotti. Per esempio, pensiamo al modello del “tablet”: la base è una sola, lanciata da Apple, ma ora esistono infinite varianti che rimandano alla prima.

Quindi, come direbbe Baudrillard, non vengono realizzati solo beni di consumo, ma anche i modelli a priori a cui si riferiranno gli oggetti in serie, “vengono prodotti anche i consumatori” che si serviranno dei suddetti.