Crea sito

>>La pen-isola dei politici italiani

Diversi sono i temi in cui si discute nei vari talk-show, sul web, sui giornali.

Alcuni puntano sul tema del “ringiovanimento” della classe politica: Renzi e Grillo vorrebbero letteralmente fare “tabula rasa” dell’attuale classe politica per sostituirla con persone nuove e giovani.

Molti puntano alla riduzione dei costi della politica, tema di cui si parla da mesi ma che forse non si riuscirà mai ad attuare come anche la riduzione del numero dei parlamentari, la quale sembra ormai una proposta da persone “folli”.

Poi c’è l’invettiva contro gli scandali della politica: Lusi per la Margherita, ex-partito di Rutelli, Belsito per la Lega Nord e Fiorito per il PDL, scandali che hanno aggravato l’indignazione dei cittadini italiani verso la politica.

Infatti è sempre piu evidente la “scollatura” tra la politica e il paese reale: una politica che usa le “auto blu” e si concede lussi sfrenati e poi chiede sacrifici alla popolazione in nome della salvezza dell’euro.

Una politica lontana dalla vita reale, dal pagare le bollette, dal fare la spesa, dal pagare il mutuo, “drammi” quotidiani per molti cittadini italiani.

Una politica grazie alla quale il partito dell’astensionismo sommato a quello degli indecisi da luogo ad oltre il 50% secondo gli ultimi sondaggi.

Una politica che non rappresenta più i cittadini italiani, una politica che è dimostrazione solo di “peggiocrazia” e non di democrazia, una politica che da luogo solo ad annunci, dibattiti “sterili”e “chiacchiere” inutili degni tutti di un gigantesco show che potremmo definire in modo scherzoso e burlesco “La “pen-isola dei politici italiani”.