>>Kraanston – Dead Eyes

I Kraanston nascono nel Febbraio 2016 dalle menti di Fabio Insalaco (Homicide Hagridden) e Andrea Bonamigo (The Selfish Cales), dando vita a un progetto parallelo in cui influire le eclettiche influenze dei due generi di provenienza. Con l’ingresso di Stefano Moda (Homicide Hagridden) alla batteria si forma la line up a power trio della band.

Kraanston è una band thrash-death con influenze sludge, stoner e doom. Ci sono anche influenze che provengono dal blues, dal jazz e da stili musicali molto distanti dal metal. Qui parliamo del loro Ep Dead Eyes, un demo/ep di quattro tracce disponibile in streaming su Bandcamp.

La traccia iniziale Cargo cult presenta sia dei riff metal che delle bordate stoner. Il cantato è stridente e lancinante ed ha un sapore alquanto hardcore. Cargo cult ci porta in un antro dove possiamo provare sensazioni oltremodo intense. Alcune sonorità di questa canzone sono proprio ruvide e marcate e fanno pensare, a tratti, anche al grunge. Verso la metà del pezzo ascoltiamo un assolo proprio degno di nota. Per tutto il pezzo sono presenti anche suggestioni doom.

Kraanston comincia in modo scuro e cupo, riprendendo la cupezza presente anche nella canzone precedente. Questa band mira a farci entrare in una dimensione colma di tetraggine e disperazione. Verso la metà di Kraanston abbiamo dei sussulti sonori che ci sollevano un po’ dalla cupezza del resto del pezzo, che, comunque, presenta un’aria alquanto pesante.

La terza traccia si chiama Tunguska e anche qui l’atmosfera tra doom e stoner è proprio stupefacente. Le tenebre sembrano scendere sull’ascoltatore e avvilupparlo con delle spirali sonore alquanto avvolgenti. The danger chiude le danze con le sue vibranti sferzate metalliche. Infatti, qui doom e stoner si uniscono al metal in un amalgama che risulta davvero interessante ed affascinante all’ascolto.

Kraanston è una band dal forte impatto, una band che dimostra di saper fare bene il suo lavoro. Quindi non possiamo che consigliare questo loro Ep ai nostri ascoltatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.