>>INYAN – Inside the Shell

INYAN è una band grunge/alternative metal di Legnano(Milano). La band è formata da Simone Cosentini(voce, chitarra), Federico Colombo(basso, voce) e Mirko Bombelli(batteria). Qui parliamo del loro ultimo lavoro dal titolo Inside the Shell.

Ascoltando Addicted to you, primo pezzo del loro Ep suddetto, è chiaro che INYAN ha imparato a memoria la lezione di “mostri sacri” del grunge come Soundgarden, Nirvana e Alice in Chains. La loro musica è piena di irruenza, è cupa e tetra proprio come vuole la tradizione grunge. Addicted to you mi ha fatto pensare ad una band grunge/alternative metal americana che si chiama Burning Brides.

Follow your instinct è un’altra bomba sul punto di esplodere. Che bordate sonore ascoltiamo in questo pezzo. La musica di INYAN è proprio coinvolgente, le loro melodie sono oltremodo azzeccate. Simone Cosentini alla voce è proprio una benedizione per questa band: il suo cantato è davvero accattivante, profondo, energico e vibrante. Ma gli altri non sono da meno. Mirko Bombelli sostiene il tutto con la sua batteria solida e quadrata, Federico Colombo da corpo e sostanza con il suo basso graffiante. Tutto in un amalgama perfetto e congeniale. Anche gli assoli di chitarra di Cosentini fanno la loro parte in modo egregio.

Erased From My Thoughts è una sorpresa alquanto gradevole. Arriva con tutta la sua aggressività. INYAN mette dei guizzi al punto giusto e risulta estremamente piacente in questo disco. I riff sono pesanti e rabbiosi in questa band, il cantato ci porta sempre più giù in un abisso avvolgente. Che chitarra entusiasmante ascoltiamo in Erased From My Thoughts.

Until you die ci porta in un inferno cupo e profondo e non dobbiamo fare altro che lasciarci travolgere da questa band per provare sensazioni alquanto intense. INYAN suona la musica della perdizione, suona musica di stupenda dissoluzione. Until you die è il miglior pezzo dell’Ep dove si esprimono in modo completo tutte le qualità di questa band: in questa canzone c’è un’intensità davvero elettrizzante.

pagina facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.