Intervista a Tuxedo Smooking

1)Benvenuti su System failure. Come è nata la vostra band? Parlate anche del percorso artistico fino a qui…

Il nostro cammino si è incrociato all’incirca nel 2013 dove facevamo parte di un gruppo cover prevalentemente metal poi chissà perché ci siamo stancati ed abbiamo deciso di cambiare strada. Il gruppo in questione si è sciolto e siamo rimasti in due (Giuseppe e Massimo). Abbiamo deciso di sperimentare qualsiasi tecnica, ci siamo rinchiusi per almeno un anno in sala prove totalizzando all’incirca 130 bozze di testi e di musiche che a noi piacevano ma sapevamo che riuscire ad emergere per lo meno nei live non erano concrete perché erano piatte per un duo e nei live è molto difficile attirare alla prima il pubblico con degli inediti. Poi è arrivato “l’esperimento digitale” e ci siamo posti le domande:
Cosa vorremmo sentire? Dove vogliamo arrivare? Cosi ci siamo armati di inventiva , abbiamo rivoluzionato le nostre idee e come si suol dire abbiamo “lanciato l’esca” con la nostra prima traccia sul web “dal nome “Stato Critico”. Possiamo dire che è andata nei migliore dei modi perché è da li che abbiamo visto che la nostra canzone stava piacendo e dopo vari contatti abbiamo conosciuto il portale musica italiana emergente che ci ha spronato e ci ha fatto capire che il singolo valeva. Ci siamo dati da fare e con molti sacrifici ci siamo evoluti ed abbiamo lanciato il secondo singolo “Apologia di Reato” che ci ha fatto conoscere al pubblico ed a diverse redazioni e radio. Poi la realizzazione di web line che economicamente parlando ci ha quasi mandato in banca rotta ma con dei bei ricordi pensate che per la traccia “Senza Alcun Guinzaglio” siamo voluti andare ad Amsterdam perché era l’unico posto che si atteneva al testo ma il vero motivo e che per fare l’album ed autofinanziandoci realizzando tracce in studio e dei video professionali è stato veramente quasi impossibile, per tanto ci siamo impegnati nel realizzare dei video auto-prodotti ed altre tracce facendo del buon auto-mastering minimizzando le spese e da li è nato l’album WEB LINE contenente 7 tracce.
Poi la sosta che è durata un anno, in questa sosta abbiamo cambiato locazione spostando la nostra sala prove per renderci indipendenti, abbiamo sostituito ed evoluto la nostra strumentazione ed allargato la componentistica del gruppo con Antonio poi un anno di lavoro con la realizzazione dell’album “L’Apice dell’essenza”. Grazie a questo ultimo progetto siamo riusciti ad emergere concretizzando dei piccoli risultati in varie riviste e radio ed ora dopo l’uscita di Mai Love che anticipava l’album e l’Apice dell’Essenza primo singolo dell’album omonimo stiamo lavorando per l’uscita del secondo singolo.

2)Che musica ascoltate? Nominate anche 3 album che hanno segnato la vostra vita…

Per Massimo Appetite for destruction (g’n’r’) , Black album (metallica), thunderstruck (ac-dc)
Per Giuseppe In Stereo ( BomfunK MC’s), Smash (Offspring), Terremoto (Litfiba)
Per Antonio Appetite for destruction (g’n’r’), Californication ( Rhcp),  Money for Nothing ( Dire Straits )

3)Come è nata in voi la passione per la musica?

Siamo nati negli anni 80, 90 quando MTV passava tutti i più grandi artisti mondiali e vedendo l’energia, la vitalità, il Rock che trasmettevano le Rock Star abbiamo sempre avuto un sogno comune di diventare come loro con le nostre idee cercando di trasmettere le nostre emozioni pubblicamente come hanno fatto loro per noi per coronare quel sogno che da piccoli desideravamo tanto.

4)Come prendono forma le vostre canzoni? C’è un filo rosso che le lega tutte?

Le canzoni hanno preso forma nel tempo, c’erano serate in qui non usciva niente altre che magari hanno dato forma a tre brani in una sola prova. Possiamo dire che sono legate alla ispirazione, all’emotività e i nostri stati d’animo ed il filo rosso che lega tutte non è solo il sound ma siamo noi stessi che ci incazziamo, ci divertiamo e ci ribelliamo a seconda del nostro umore ed infatti l’album non rispecchia un indirizzo preciso ma semplicemente varia come lo stato d’animo di una persona.

5)Il vostro nuovo album si chiama “L’Apice dell’essenza”. Come è nato? Dove è stato registrato? Raccontate tutto per bene…

L’Album è nato dopo un breve periodo di separazione prima di formare il trio ma possiamo dire che la nostra separazione ha avuto un effetto boomerang ed è bastata una sola giornata per ritrovarci, riprendere ed addirittura trovare un nuovo membro. Quando ci siamo riuniti abbiamo pensato a cosa avremo voluto per essere completi e felici e la risposta era scontata “fare dei nostri brani” ed essere ricordati per quello. L’apice dell’essenza è un arrivo, un traguardo voluto dove l’anima è completa e non ha altri bisogni quindi per noi lo strumento per arrivare all’apice dell’essenza rimane la musica e da li è nato il nome del nostro album. L’album per motivi economici è stato registrato nella nostra sala prove dove ci siamo formati ed organizzati al meglio delle nostre possibilità per avere meno spese e la maggior qualità possibile nel nostro piccolo.

6)Quale canzone preferite di questo album?

A livello affettivo e legame vitale del gruppo è In Questa Sorta di Città perchè esprime la cruda realtà in cui viviamo ma anche la voglia di evadere da ciò che sentiamo troppo stretto.

7)Ci parlate della cover di “L’Apice dell’essenza”? Cosa rappresenta?

La cover(sopra in figura) rappresenta il nostro mondo, la nostra musica che si diversifica facendo sembrare il tutto una sorta di esperimento, di rito, di iniziazione del gruppo .

8)Cosa vuol dire il nome della vostra band?

Tuxedosmooking è gioco di parole. Lo smoking simboleggia l’abito elegante per eccellenza ma non tutti sanno che tecnicamente l’abito oltreoceano è più noto come tuxedo. Quindi unendo queste due parole e aggiungendo una doppia “o” proprio a simboleggiare il nostro duo musicale ma per lo più è nato per un battibecco tra Giuseppe e Massimo su chi aveva ragione se lo smoking era smoking e tuxedo che cosa era? Quindi dopo varie ricerche abbiamo capito che erano la stessa cosa e non si sa perché ma siamo stati due o tre giorni battagliando con questo note che poi è diventato il nome del gruppo. L’abbreviazione invece significa il cambiamento con l’arrivo di Antonio dovevamo dimostrare il nostro vero impulso musicale ed essere riconosciuti subito con un nome più schietto ma legato alle radici ecco perché ora ci chiamiamo i txd smook.

9)Come vedete la scena indie italiana?

L’indie in Italia si sta evolvendo ma non valorizza gli artisti in base alla meritocrazia ma agli agganci, ai supporti ed ora più che mai è legata al web quindi in un disco ormai non conta solo il suo contenuto ma ciò che circonda il contenuto ( video , recensioni, immagine, personaggi) che praticamente si sommano in denaro, più soldi si ha più si avrà la possibilità di emergere.

10)Dove possiamo trovare la vostra musica?
Potete trovarci su
Google play:
https://play.google.com/store/music/artist/Txd_SmooK?id=A5pekj6jprvlv2bjvvxodoawxzu
Amazon
https://www.amazon.it/s/ref=ntt_srch_drd_B07BYTSXST?ie=UTF8&field-keywords=Txd%20SmooK&index=digital-music&search-type=ss
deezer:
https://www.deezer.com/it/album/6045936
spotify:
https://open.spotify.com/artist/3T5xwtWybB8YmbOHLSwIwF

Inoltre potrete trovare tutte le canzoni e le news su il nostro sito:
https://txdsmook.it/
e sulla nostra pagina facebook ed instagram:
https://www.facebook.com/txdsmook3.0/
https://www.instagram.com/txdsmook/

11)Per finire, un saluto ai nostri lettori…

Un abbraccio ed un saluto a tutti dai TxdSmook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*