Intervista a Dirt Nap

Benvenuti nel nostro sito. Come vi siete incontrati?

Matt e Sebastian si sono incontrati nel 2011 in un’ex band quando avevano rispettivamente 22 e 17 anni. Sebbene rispettassero le reciproche capacità fisiche, non avevano molto da dire nel processo di scrittura delle canzoni e non si rendevano pienamente conto di cosa sarebbero stati capaci di fare insieme. Dopo aver imparato molte cose da non fare nella scena musicale locale, quella band si è sciolta e hanno deciso di fondare la propria band nel maggio del 2014 (Dirt Nap). Matt e Sebastian hanno visto Saj esibirsi in altre band e hanno suonato insieme alcune volte. Matt è stato in grado di attirare Saj come nostro batterista mettendo in scena una batteria nella sua cucina sostituendo il suo tavolo da cucina. Il fratello di Sebastian è stato il bassista per il primo anno e mezzo, ma dopo un po’ le cose non hanno funzionato e la sua uscita è stata amichevole e nel migliore interesse per tutti. Questo è quando Tyler è entrato in scena all’inizio del 2016. Sebastian ha visto il suo canale YouTube dove aveva centinaia di cover da vedere mentre suonava più strumenti. Ha contattato Tyler ed è andato a casa sua e gli ha mostrato quello che avevamo scritto che era il nostro primo album. Tyler voleva essere coinvolto e il resto è storia.

Cosa significa il nome della vostra band?

Il nostro nome Dirt Nap è stato pensato dal nostro batterista Saj. Stavamo tutti facendo brainstorming di idee e stavamo arrivando con nulla che ci piacesse. Saj ha detto “Dirt Nap” e ci è piaciuto come suonasse “metal” in modo quasi ironico. Fare un pisolino è una frase che fondamentalmente significa che sei morto, “a letto con i pesci”, una specie di frase mafiosa. Parte del motivo per cui Matt e Sebastian hanno fondato questa band è perché volevano essere in grado di scrivere e abbracciare il loro amore reciproco per gli strumenti acustici, il pianoforte, gli archi e altri elementi più morbidi. Pensavamo che il nome creasse una certa aspettativa per il suono e ci piace giocarci e poi sorprendere anche le persone lungo la strada.

Tra i tanti generi musicali perché avete scelto il grunge?

Non penso che abbiamo necessariamente scelto il grunge o siamo grunge, anche se a livello vocale ci sono sicuramente alcune influenze da parte di Matt in particolare. Quando scriviamo canzoni, scriviamo ciò che pensiamo suoni meglio e ciò che scorre naturalmente. Non consideriamo nemmeno quale etichetta di genere potrebbe essere lanciata o cerchiamo di mirare a qualcosa in particolare. Abbiamo forti influenze collettivamente dall’heavy metal tradizionale, dal pop punk, dall’alternative, dalla musica classica/orchestrale e persino dal pop quando si tratta di strutture delle canzoni, a volte. Cerchiamo di non dire alla gente che genere siamo e lasciamo che se ne occupino loro stessi, siamo un miscuglio e non ci adattiamo solo a nessun ombrello metaforico esistente. Il nostro preferito che abbiamo sentito finora è “thrunge”, essendo una fusione di thrash metal e grunge.

Quali sono i vostri miti musicali?

Non sono sicuro di aver capito la domanda ma risponderò a quello che mi fa pensare ahah. Penso che un mito comunemente creduto sia che le persone con “talento” musicale siano dotate o nate con esso. Questo non è certamente il caso. L’acquisizione di conoscenze e abilità musicali richiede una vita di duro lavoro e dedizione. Ho incontrato molte persone che hanno provato a suonare la chitarra per 30 minuti a settimana per alcuni mesi e poi si sono arresi dicendo “Non riesco proprio a farcela con le dita, non ero destinato a essere un musicista”. Ho trascorso la maggior parte della mia vita da quando avevo 5 anni lavorando su pianoforte, chitarra, basso, batteria, teoria musicale, registrazione, produzione e sviluppo di una parvenza di presenza scenica. Il livello di abilità che volevo raggiungere significava che ho sacrificato la maggior parte della mia infanzia e adolescenza “colpendo la legnaia” sapendo che tutti i grandi lo fanno. Ho rischiato di guardare film, uscire con gli amici, andare al centro commerciale, fare feste, avere relazioni sane, tutte cose che le persone normali tendevano a fare. Ho seppellito la testa sotto la sabbia per ore al giorno per oltre un decennio, ignorando il più possibile ciò che mi circondava. Il risultato finale di cui sono orgoglioso e felice di quello che ho oggi, ma è davvero frustrante sentire quando altre persone pensano che mi sia appena svegliato un giorno o che sia stato colpito da un fulmine e all’improvviso, potrei fare tutto quello che posso oggi. Ciò che separa un grande musicista da qualcuno che non è “nato” è l’etica del lavoro, la dedizione, la tolleranza al dolore e la volontà di sacrificare una vita normale.

Com’è la scena musicale indipendente in Ohio?

La scena musicale indipendente in Ohio non è la migliore né la peggiore. Essendo a circa un’ora a est di Cleveland, c’è ancora un po’ di scena rock/metal. Cleveland, Youngstown e Akron hanno tutti la loro collezione unica di locali più piccoli tra cui scegliere che spesso hanno un’atmosfera fresca e alcuni personaggi interessanti da incontrare lungo la strada.

Come è la vostra vita perfetta? Potete provare a descriverla?

Una vita perfetta è poter dedicare tutto il nostro tempo e le nostre energie alla musica. Sfortunatamente, il modo in cui funziona il mondo non lo consente ancora a questo punto, ma questo non ci impedisce di provarci. I lavori diurni ti impediscono davvero di poterti dare “tutto”, ma cerco di dormire il meno possibile per dare ancora alla band tutto il tempo che merita.

Abbiamo scritto la recensione di “Mozart’s Nirvana”. Puoi raccontarci la genesi di questo album?

“Mozart’s Nirvana” è stato il naturale passo successivo di un album di debutto omonimo. Stavamo solo conoscendo noi stessi e gli altri e sebbene ancora molto orgogliosi del primo, il “Mozart’s Nirvana” è decisamente un miglioramento. Il nome significa molte cose per noi. Sebastian è stato chiamato un “Mozart” da una pletora di persone che si riferiscono alla sua conoscenza della teoria musicale e alle sue capacità compositive. Matt è stato a lungo paragonato a Kurt Cobain a causa del suo timbro vocale e del suo stile lirico complessivamente deprimente e profondo. Abbiamo pensato, nel senso più letterale del nome, che questo sarebbe stato un bel titolo per un album che attinge più in profondità dalle influenze della musica classica e dai testi che ti colpiscono davvero nel profondo. È anche un gioco di parole con il significato della parola nirvana, che può essere simile a paradiso. Vorremmo che il grande maestro Mozart approvasse ciò che abbiamo inventato ahah.

“Mozart’s Nirvana”. Quale canzone preferite di questo album e perché?

Decidere una canzone preferita è come scegliere un figlio preferito. Abbiamo tutti lavorato così tanto su ciascuno di essi e adottiamo un approccio “tutto killer, nessun riempitivo” alla scrittura delle canzoni. Di solito trascorriamo circa 2-3 anni sulle canzoni prima di pubblicarle, assicurandoci che siano perfette come siamo capaci di fare in quel momento. Molte canzoni o idee non fanno il taglio finale. I preferiti cambiano di giorno in giorno, ma se dovessi scegliere la canzone di cui sono più orgoglioso in questo momento è probabilmente “Pain In Fortune”. Penso che questa canzone contenga la maggior parte degli elementi che rendono Dirt Nap quello che siamo. L’intro è una parte per clavicembalo che Sebastian ha scritto attingendo allo stile di Bach. Rimase seduto nel caveau per un po’ aspettando il momento giusto per fare il suo debutto. Poi entriamo nel ritornello che ha una melodia vocale principale semplice ma efficace e una struttura pop. Le armonie vocali sono fantastiche, e siamo conosciuti per questo e orgogliosi di loro. Mi piacciono anche le “fermate” durante la 3a ripetizione, le spezzano e le aggiungono un po’ di staccato. Per quanto riguarda i versi, strumentalmente abbiamo una cosa piuttosto “metal”. Il compromesso tra voce e parti rap è simile a una cosa nu-metal o tipo Linkin Park. Durante la terza ripetizione, facciamo “stop” simili al ritornello e abbiamo voci urlate che sono un ritorno ad alcuni dei nostri primi album. La sezione successiva, che potrebbe essere definita un post-versetto, è basata sulla sezione del clavicembalo ma al completo. Noterai che la progressione degli accordi e il contenuto melodico generale sono identici. Mi piace molto la batteria del contrabbasso durante questa sezione, ho sempre un debole nel mio cuore per questo. L’inizio della sezione di assolo di chitarra è un’estensione della frase melodica che separa in precedenza le sezioni strofa e post strofa. Questo ci porta in uno degli assoli di cui sono più orgoglioso. La modalità cambia tra Eoliano e Frigio a volte per tenerti sulle spine, mi piace cambiare un po’ il secondo grado per mantenere le cose interessanti (anche se le parti ritmiche sottostanti sono rigorosamente F frigio). Il culmine durante la terza sezione (vedrai uno schema qui haha) è il mio preferito. Sapevo che dal punto di vista strumentale c’era più spazio per brillare durante questo spot con gli “stop”, e c’è una corsa di sestine di sedicesimi con sordina smorzata dal palmo incredibilmente difficile, ma fantastica. Questo ci porta all’ultimo ritornello che ha quello che io chiamo Weezer “si ferma” per iniziare. Alcune band pop punk usano questa struttura di pausa strumentale e lasciano che la voce arrivi per un ritornello finale che attira l’attenzione.

Cosa puoi dirmi dell’artwork di “Mozart’s Nirvana”? Chi l’ha fatto?

L’artwork per “Mozart’s Nirvana”(che trovate subito sopra) è stata pensato da Matt ed eseguita da Kylie Jones (il nostro artista dal 2019 in poi). Ci sono molti piccoli dettagli che sono fantastici e possono essere visti solo sul CD completo con i vassoi interni e il disco stesso. L’aspetto generale è scuro/grungy. Matt e Kylie andavano avanti e indietro molto assicurandosi che la giusta quantità di usura entrasse nel divano e nelle pareti. La carta da parati sul retro si sta staccando e noterai che gli oggetti di “intrattenimento” come la radio, la televisione e l’orologio a pendolo non sono reali, ma solo disegnati dall’inquilino come mezzo per avere qualcosa di normale in questa stanza. Siamo cresciuti poveri e spesso dovevi usare la tua immaginazione per sfruttare al meglio la situazione. L’animale di pezza di pecora è un ritorno alla canzone “Sheep” del primo album, e il termine e l’idea di una pecora sono un tema ricorrente nella storia della band. Noterai che l’ora sull’orologio sul retro è 2, un riferimento alle “2:00”. Sul libretto vedrai la nascita del disegno della farfalla. Matt ha perso sua zia durante la realizzazione dell’album. Amava davvero le farfalle e lui voleva che fosse commemorata in qualche modo. La farfalla è intrappolata in un recinto di vetro, che può simboleggiare cose di bellezza a volte non essendo in grado di spiegare le ali, imparare a volare o addirittura vivere per quella materia.

Di cosa parlano le vostre canzoni?

Dal punto di vista dei testi, le nostre canzoni parlano di una varietà di argomenti, ma soprattutto di sentimenti. A Matt piace mantenere le sue parole scritte in modo tale che non sia del tutto chiaro o troppo specifico. Evitiamo nomi propri o qualsiasi cosa come nomi di luoghi, persone, eventi, tutto ciò che indichi la canzone in una direzione particolare. Se scriviamo una canzone sulla dipendenza, per esempio, lasciamo aperta all’ascoltatore se si tratta di droghe, un interesse romantico, un’attività o qualsiasi altra malsana ossessione. Ci piace incoraggiare i fan a dirci di cosa parlano le canzoni e cosa significano per loro.

Infine, saluta i nostri lettori e parla dei tuoi progetti futuri …

Grazie a tutti per averci dato l’opportunità di condividere parte di ciò che ci rende Dirt Nap. Ci auguriamo che ti sia piaciuto imparare di più su di noi e sul nostro processo. Ci sforziamo di fare musica che sia uno sfogo per i nostri pensieri, idee e frustrazioni. Avere questa band è molto terapeutico per tutti noi. Se alla fine della giornata aiuta qualcun altro, questo è un bonus e ti diamo il benvenuto per tutto il viaggio. Al momento stiamo cercando di tornare là fuori facendo alcuni spettacoli che è stato difficile a dir poco difficile nel nuovo clima di Covid-19. Ci esercitiamo molto per tenerci stretti e abbiamo continuato a scrivere, quel processo non si ferma mai. Abbiamo messo insieme gli inizi del nostro terzo album ed è sicuramente uno dei nostri migliori lavori finora. Col tempo, rilasceremo ulteriori informazioni su di esso e alla fine lo pubblicheremo una volta che sarà perfetto e pronto per noi e per tutti voi. Resta sintonizzato e seguici su Facebook per vedere cosa farà Dirt Nap!

Spotify:

https://open.spotify.com/artist/2Bx7PFkGu0PiNrjCntTCIC

Facebook:

https://www.facebook.com/dirtnapbandpage

Youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCfvvxcna4nBM4pmXpoVodrg

english version:

Welcome to our site. How did you meet?

Matt and Sebastian met back in 2011 in a former band back when they were 22 & 17 respectively. Although they respected each other’s physical abilities, they didn’t have that much say in the songwriting process and didn’t fully realize what they could be capable of together. After learning a lot of things not to do in the local music scene, that band dissolved, and they decided to start their own band in May of 2014 (Dirt Nap). Matt and Sebastian saw Saj perform in other bands and played shows together a few times. Matt was able to lure Saj in as our drummer by staging a drum set in his kitchen replacing his kitchen table. Sebastian’s brother was the bassist for the first year and a half, but things weren’t working out after a while and his exit was amicable and in the best interest for everyone. This is when Tyler came into the picture early 2016. Sebastian saw his YouTube channel where he had hundreds of covers to view playing multiple instruments. He contacted Tyler and went over to his place and showed him what we had written which was our first album. Tyler was down to get involved and the rest is history.

What does your band name mean?

Our name Dirt Nap was thought of by our drummer Saj. We were all brainstorming ideas and weren’t coming up with anything we loved. Saj said “Dirt Nap” and we liked how “metal” it sounded in almost an ironic way. Taking a dirt nap is a phrase that basically means you are dead, “sleeping with the fishes”, kind of a mafia phrase. Part of why Matt and Sebastian started this band is because they wanted to be able to write and embrace their mutual love of acoustic instruments, piano, strings, and other softer elements. We thought the name was setting up a certain expectation for the sound and we like to play into it and then surprise people along the way as well.

Among the many musical genres why did you choose grunge?

I don’t think we necessarily chose grunge or are grunge, although vocally there are definitely some influences there from Matt in particular. When we write songs, we write what we think sounds best and what flows naturally. We don’t even consider what genre label might be thrown at it or try to aim for anything in particular. We have strong influences collectively from traditional heavy metal, pop punk, alternative, classical/orchestral, and even some pop when it comes to song structures at times. We try not to tell people what genre we are and let them come up with that themselves, we are a mixed bag and don’t really fit under any existing metaphorical umbrellas solely. Our favorite one we have heard so far though is “thrunge”, being an amalgamation of thrash metal and grunge.

What are your musical myths?

I’m not sure I understand the question but I will respond to what it makes me think haha. I think one myth that is commonly believed is that people with musical “talent” are gifted or born into it. That is most certainly not the case. Acquiring musical knowledge and abilities take a lifetime of hard work and dedication. I’ve met many people who have tried playing guitar for 30 minutes a week for a few months and then give up say “I just can’t get my fingers to do that, I wasn’t meant to be a musician”. I have spent most of my life since I was 5 working on piano, guitar, bass, drums, music theory, recording, producing, and developing some semblance of stage presence. The level of skill that I wanted to achieve meant that I sacrificed most of my childhood and teenage years “hitting the woodshed” knowing that all the greats do so. I jeopardized watching movies, hanging out with friends, going to the mall, partying, having healthy relationships, all the things normal people tended to do. I buried my head in the sand for hours a day for over a decade ignoring as much of what was around me that I could. The end result I am proud of and am happy with what I have today, but it is really frustrating to hear when other people think I just woke up one day or got struck by lightning and all of a sudden, I could do everything I can today. What separates a great musician from someone who wasn’t “born” one is work ethic, dedication, pain tolerance, and the willingness to sacrifice a normal life.

How is the independent music scene in OHIO?

The independent music scene in Ohio isn’t the best nor is it the worst. Being about an hour east of Cleveland there is a bit of a rock/metal scene somewhat alive still. Cleveland, Youngstown, and Akron all have their own unique collection of smaller venues to choose from that often have a cool atmosphere to them and some interesting characters to run into along the way.

What is your perfect life? Can you try to describe it?

A perfect life is being able to dedicate all our time and energy to music. Unfortunately, the way world works doesn’t allow for this yet at this point, but that doesn’t stop us from trying. Day jobs really get in the way of being able to give it your “all”, but I do try to sleep as little as possible to still give the band as much time as it deserves.

We wrote the review of “Mozart’s Nirvana”. Can you tell us about the genesis of this album?

Mozart’s Nirvana was the natural next step from a debut self-titled album. We were just getting to know ourselves and each other and although still very proud of the first, Mozart’s Nirvana is very much an improvement. The name means multiple things to us. Sebastian has been called a “Mozart” from a plethora of people referring to his music theory knowledge and composing abilities. Matt has been compared to Kurt Cobain for a long time due to his vocal timbre and overall depressing and deep lyrical style. We thought in the more literal sense of the name that this would be a cool title for an album drawing deeper on classical music influences and lyrics that really get to you down in your core. It also is a play on words with the meaning of word nirvana, which can be similar to heaven or a paradise. We would like to the great master Mozart would approve of what we have come up with haha.

“Mozart’s Nirvana”. Which song do you prefer from this album and why?

Deciding a favorite song is like choosing a favorite child. We have all put so much work into each of them and we do take an “all killer, no filler” approach to songwriting. We usually spend about 2-3 years on songs before we release them, making sure they are as perfect as we are capable of at the time. Many songs or ideas don’t make the final cut. Favorites change from day to day but if I had to pick the song I am the most proud of at this time it is probably “Pain In Fortune”. I think this song has the most elements in it that make Dirt Nap who we are. The intro is a harpsichord part Sebastian wrote drawing on the stylings of Bach. It was sitting around in the vault for a while waiting for the right time to make its debut. We then get into the chorus which has a simple but effective main vocal melody and a pop structure to it. The vocal harmonies are great, and we are known for that and proud of them. I also like the “stops” during the 3rd repetition, it breaks it up and adds a bit of staccato flair to it. For the verses, we have a pretty “metal” thing going on instrumentally. The trade off vocals and rap parts are similar to a nu-metal or a Linkin Park type thing. During the 3rd repetition, we do similar “stops” to the chorus and have screamed vocals which is a throwback to some of our first album. The next section which could be called a post-verse, is based off of the harpsichord section but full band. You’ll notice the chord progression and overall melodic content is identical. I really enjoy the double-bass drumming during this section, I always have a soft spot in my heart for that. The beginning of the guitar solo section is an extension of the melodic phrase that separates the verse and post-verse sections previously. This leads us into one of the solos I am most proud of. The mode switches between Aeolian and Phrygian at times to keep you on your toes, I like changing the second degree a bit to keep things interesting (although the rhythm parts underneath are strictly F Phrygian). The climax during the 3rd section (you’ll see a pattern here haha) is my favorite. I knew instrumentally there was the most space to shine during this spot with the “stops”, and there is a blazingly difficult, but awesome sounding palm-muted sixteenth note sextuplet run. This brings us into the last chorus that has what I call Weezer “stops” to start us off. Some pop punk bands use this structure of pausing instrumentally and letting vocals come through for an attention-grabbing final chorus.

What can you tell me about the artwork of “Mozart’s Nirvana”? Who did it?

The artwork for “Mozart’s Nirvana” was thought of by Matt and executed by Kylie Jones (our artist from 2019 on). There are a lot of little details that are cool and can only really be seen on the full CD with the inside trays and disc itself. The overall look is dark/grungy. Matt and Kylie went back and forth a lot making sure the right amount of wear and tear went into the couch and walls. The wallpaper in the back is peeling and you’ll notice the “entertainment” items like the radio, television, and grandfather clock aren’t real but only drawn on by the tenant as a means to have something normal in this room. We grew up poor and often you had to use your imagination to make the most of the situation. The sheep stuffed animal is a throw back to the song “Sheep” on a first album, and the term and idea of a sheep is a running theme throughout the band’s history. You’ll notice the time on the clock in the back is 2, a reference to “2 a.m.” On the booklet you’ll see the birth of the butterfly design. Matt lost his aunt during the making of the album. She really loved butterflies and he wanted her memorialized in some way. The butterfly is trapped in a glass enclosure, which can symbolize things of beauty at times not being able to spread their wings, learn to fly, or even live for that matter.

What are your songs about?

Lyrically, our songs are about a variety of topics, but mostly feelings. Matt likes to keep his words written in such a way that it is not entirely clear of overly specific. We avoid proper nouns or anything like names of places, people, events, anything that pinpoints the song in a particular direction. If we write a song about addiction, for example, we leave it open to the listener whether it is about drugs, a romantic interest, an activity, or any other unhealthy obsession. We like to encourage the fans to tell us what the songs are about and what it means to them.

Finally, say hello to our readers and talk about your future projects …

Thank you all for giving us the opportunity to share some of what makes us Dirt Nap. We hope that you enjoyed learning more about us and our process. We strive to make music that is an outlet for our thoughts, ideas, and frustrations. Having this band is very therapeutic for all of us. If at the end of the day it helps someone else, that is a bonus, and we welcome you all along for the journey. We our currently trying to get back out there doing some shows which has been difficult to say the least in the new Covid climate. We practice a lot to keep tight and have continued writing, that process never stops. We have the beginnings of our third album put together and it is definitely some of our best work yet. In time, we will release some more information on it and eventually release it once it is perfect and ready for us and all of you. Stay tuned and follow us on Facebook to see what Dirt Nap is up to next!

Spotify:

https://open.spotify.com/artist/2Bx7PFkGu0PiNrjCntTCIC

Facebook:

https://www.facebook.com/dirtnapbandpage

Youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCfvvxcna4nBM4pmXpoVodrg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.