>>FELIDAE – Baby Someday

Felidae ritorna con un nuovo album, Baby Someday. Dopo un intenso periodo di date live europee e registrazioni in Germania, la release (prevista per il 25 novembre per Anaphora Records) è un meltin-pot di vintage rock e sperimentazioni orientaleggianti, che creano un quadro rappresentativo del percorso di Omer Lichtenstein in arte Felidae, originario di Tel Aviv e residente a Berlino.

Per Omer, che si definisce “a Jew in Berlin”, suonare con una band internazionale, fatta di musicisti provenienti da Giappone, Italia, Turchia, Israele e Germania, è un modo per mantenere una ferma posizione di comprensione relativamente a ciò che sta accadendo in Europa e nel mondo. La sua reazione ai recenti eventi può essere respirata già ascoltando brani come Barbaria e No Right to Remain Silent. Questo multi-kulti (slang berlinese che indica un mix culturale) inframmezza vibrati orientali, chitarre psichedeliche, synths anni 70 armonizzati su scale arabe in un contesto fortemente rock. Il tutto spinto da una sezione ritmica spinta e martellante.

Le altre canzoni del disco, come Still Burning, Baby Someday, Like a Movie Star, affrontano i cambiamenti sociali e psicologici dei nostri tempi, la lotta verso il potere, dove il mancato raggiungimento dello stesso viene considerato un vero e proprio fallimento. Le influenze più marcate sono sicuramente da riferirsi alla new wave di The Smiths e The Cure, specialmente in brani come Indoor Trance, Laying On The Sky e Between The Legs.

Baby Someday è stato registrato in presa diretta presso i Lowswing Studios (Berlino) in soli tre giorni, nell’aprile 2016. Le sovraincisioni invece sono state registrate nelle settimane seguenti.

BIO
Influenzato da band come The Cure, Arctic Monkeys, Nirvana, The Beatles, il progetto Felidae è stato fondato da Omer Lichtenstein in Tel-Aviv nel 2011, come Felidae Trick. Incontra Peter Walsh (Simple Minds, Peter Gabriel) per lavorare in Germania all’EP She Goes Away. Da quel momento, Felidae si sposta a Berlino e lavora con produttori come Zare Pak (Siddharta) e Ralf Goldkind (Die Fantastischen Vier). Nelle sue canzoni, Omer racconta la sua vita personale così come le questioni sociali e politiche che riguardano il popolo ebreo, senza limitarsi a esse. Qualcuno potrebbe rimanere colpito dai rimandi orientali, mentre altri potrebbero scorgere una vena progressive in quella che è, in definitiva, una band indie-rock con influenze new wave. Nel 2015 Felidae realizza due EP a cui segue un lungo tour tra Germania, Israele e Italia.

Per simboleggiare il cambiamento verso un’attitudine più ruvida e grezza nelle registrazioni più recenti, la band ha di recente eliminato la parola “Trick” dal nome originario, Felidae Trick, presentandosi ora semplicemente come Felidae. Il nuovo album in questa veste, Baby Someday, uscirà il 25 novembre 2016 per Anaphora Records.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.