>>Evilgroove – Cosmosis

Evilgroove è una band stoner/grunge formata da Luca “Fraz” Frazzoni(voce), Daniele “Doc” Medici(chitarra), Matteo “Matte” Frazzoni(basso) e Christian “Sepo” Rovatti(batteria). Questa formazione è per gli amanti di band come Kyuss, Soundgarden, Audioslave, Mastodon, Alice in Chains. Infatti, nella loro musica c’è anche tanto alternative metal. Qui parliamo del loro Cosmosis, disco auto-prodotto del 2017. Quelle che seguono sono le nostre considerazioni a riguardo.

Turn your head è proprio un ottimo pezzo di apertura per Cosmosis. Offre un cantato stupefacente accompagnato da sonorità alternative metal di grande spessore che fanno pensare a Soundgarden e Faith no more. Segue Lucusta che comincia con altre sonorità che sembrano quasi orientaleggianti, sonorità che, a tratti, abbiamo incontrato anche nel pezzo precedente. Poi il pezzo si apre presentando riff ruvidi e marcati. Anche Lucusta come Turn your head mette in scena tanta profondità. Di certo non mancano suggestioni modern rock in questa band di grande talento. I loro riff sono ipnotici ed imponenti, le loro ritmiche esplosive.

Oltre ai nomi su citati tra le loro influenze, come leggiamo dal comunicato stampa giunto a System failure, ci sono anche Pantera, Down, Corrosion Of Conformity, Tool, Black Label Society. Infatti, il sound di Evolgroove è tanto complesso e stratificato: accoglie in sé tante influenze, è un sound unico che è come una calamita per gli amanti dell’alternative metal.

Space totem offre evoluzioni sonore sorprendenti e riff duri e taglienti. Anche queste sono costanti nella musica di Evilgroove, musica che presenta melodie oltremodo azzeccate, melodie che si fondono alla perfezione con alcuni passaggi duri e di grande effetto. Ascoltando Space totem pensiamo a Mastodon invece, i Mastodon più recenti.

I, the wicked, come la canzone precedente, mostra tanta aggressività e irruenza. Qua e là si ascolta anche l’influenza dei Metallica. Infatti, non manca anche una lieve impronta heavy metal. Le parole usate per I, the wicked possono essere usate anche per Kick the can e Physalia, canzoni che fanno pensare, tra l’altro, ad Audioslave e Rage Against the Machine, per alcuni passaggi.

Anche Voodo dawn presenta sonorità simili alle tre canzoni appena citate ma è molto più veloce, dinamica e convulsa. Qui la ritmica è proprio solida e robusta e il cantato alquanto carismatico. Uno dei migliori pezzi di questo album a nostro giudizio. Da citare assolutamente What I mean per la sua ritmica fremente e per le tante variazioni che presenta. Un pezzo di grande efficacia, un altro gioiello di questo album.

Quindi, un giudizio complessivo su questo album? Evilgroove con Cosmosis ci presenta un alternative metal cazzuto, un alternative metal che ti sbatte al muro, che ti travolge con tutta la sua imponenza e prestanza. Ascoltare Evilgroove equivale ad essere investiti da uno tsunami sonoro di potenza terrificante!

pagina facebook

1 thought on “>>Evilgroove – Cosmosis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *