>>Descent Into Maelstrom: arriva la firma con Atomic Stuff Promotion

Atomic Stuff Promotion dà il benvenuto nel roster al progetto Melodic Death/Black Metal di Andrea “Maelstrom” Bignardi, Descent Into Maelstrom, per la promozione del debut album omonimo. Lo studio project Descent Into Maelstrom nasce nel settembre del 2016, quando l’unico membro ufficiale Andrea “Maelstrom” Bignardi decide di comporre dei brani seguendo stili di composizione inusuali per il metal, come i madrigali medievali. Ogni parte, comprese le batterie, viene composta da Andrea, che si è fatto le ossa in alcuni gruppi locali, cercando sempre di trovare un sound riconoscibile.

Il nome del progetto deriva da un racconto breve di Edgar Allan Poe, intitolato appunto “A Descent into the Maelstrom“, e rende subito evidente la passione di Andrea per la letteratura gotica, che caratterizzerà anche parte dei testi del primo brano del disco. Attualmente è già iniziata la stesura delle canzoni del secondo album, che richiederanno uno studio approfondito di teoria musicale, essendo caratterizzate da sonorità tipiche della dodecafonia, stile compositivo ideato da Arnold Schoenberg nei primi anni del 1900. L’intento di questo studio è addentrarsi nella ricerca di un sound sempre più complesso e ricercato, cercando di superare i confini dei “dogmi” in cui spesso si ricade suonando un genere già esplorato in lungo e in largo come il metal.

Descent Into Maelstrom”:

Il primo e omonimo album, pubblicato nel marzo del 2017, è incentrato sul Melodic Death Metal classico, introducendo in modo sperimentale le strutture dei madrigali, abbinate a sonorità tipiche del genere. Il concept principale dell’album è incentrato sulla letteratura, gotica per quanto riguarda brani come “Ignis Fatuus”, “Castle Of Otranto” e “Descent Into Maelstrom”, che si ispirano a opere di Edgar Allan Poe e Horace Walpole. Un’altra corrente culturale che ha influenzato le liriche di questo album è lo “Sturm Und Drang”, percepibile nei testi di “Innerwhere” e “Storm And Assault”, ispirati a opere di Phil Soar e a Johann Wolfgang Goethe. Altri brani come “Everything Against” e “Atavic Enemies” contengono in realtà una morale, secondo la quale, per reagire a situazioni critiche, cede al male e corrompe il proprio animo. Infine, come esempio di utilizzo delle strutture dei madrigali, i due brani “Peroratio In Rebus” e “Castle Of Otranto” sono stati composti seguendo proprio questi principi, di fatto questi brani si evolvono in parti a più “voci” rappresentate dalle chitarre, senza la tipica struttura basata su strofe e ritornelli. Il titolo “Peroratio In Rebus” corrisponde proprio a una struttura tipica del madrigale.

Web:

https://www.facebook.com/DescentIntoMaelstromBand

https://soundcloud.com/descentintomaelstrom

https://descentintomaelstrom.bandcamp.com/

https://www.atomicstuff.com/descentintomaelstrom.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.