>>Davutoğlu addio

Per anni gli ha fatto da spalla, sosteneva che un buongoverno si faceva non avendo problemi coi vicini. Ahmet Davutoğlu era il professore di scienze politiche e relazioni internazionali prestato a un progetto diventato tutt’uno con la scalata al partito, al governo, al potere di Recep Erdoğan. Dal canto suo l’ex sindaco di Istanbul personalizzava l’Islam politico come un proprio modello da esportare. Un modello, si diceva moderato, rispetto ai fondamentalismi che, strumentalizzando il Corano, infiammano il mondo.

Ma il soggettivismo di chi ha sponsorizzato la carriera di Davutoğlu, dal 2009 ministro degli Esteri e dall’agosto 2014 premier di una Turchia plasmata per un uomo solo, ha deciso di troncargliela. L’incontro di un’ora e mezza avvenuto ieri fra il presidente e il primo ministro di Turchia è solo l’ufficializzazione di decisioni già prese nelle stanze che contano delle mille di cui il ‘sultano’ s’è dotato nel Palazzo di Ankara.

Le note affidate alle agenzie ufficiali riferiscono anche di un congresso entro un mese del partito della Giustizia e dello Sviluppo che può eleggere un nuovo leader. Il ricambio del premier giunge in una fase delicatissima nella quale sono aperti molti fronti militari e politici per la Turchia. Il governo sta cercando di arginare, con non poche difficoltà, gli attentati che l’Isis ha condotto nel cuore della capitale.

E’, inoltre, impegnato in una lotta senza quartiere contro il Pkk nei territori del sud-est, per quanto l’instabilità abbia toccato molti altri centri, soprattutto le metropoliti di Ankara e Istanbul dove egualmente si sono ripetuti attentati di un fronte combattente kurdo. La repressione militare ha pesantemente colpito la comunità kurda privandola di decine di militanti, attivisti, cittadini uccisi in un rinnovato conflitto strisciante condotto sin dentro le proprie case con assedi di settimane.

Sul piatto della politica istituzionale c’è anche la delicata partita che Ankara ha in corso con l’Unione Europea riguardo allo strabordante numero di profughi presenti sul proprio territorio (tre milioni) che potrebbero ulteriormente aumentare, perché la crisi siriana è tutt’altro che risolta e decine di migliaia di persone cercano solo la fuga.

Ma la Turchia, e Davutoğlu in prima persona, che già avevano ottenuto il cospicuo finanziamento europeo per la gestione dei campi profughi con un raddoppio dell’iniziale cifra pattuita per l’accoglienza (tre miliardi di euro) si ritrovavano in queste ore a festeggiare anche la liberalizzazione dei visti verso l’Unione per i cittadini del proprio Paese. Visti un tempo negati e limitati a seguito del clima dittatoriale presente nella vita interna, frutto dei regimi militari. Un clima che tanti attivisti e osservatori internazionali affermano sia ritornato e riportano all’attenzione della comunità internazionale i comportamenti autoritari al limite dell’illegalità dell’attuale establishment, di fatto lo staff di Erdogan.

link alla fonte completa