Computer Magic – “Danz”

Computer Magic è un progetto di musica elettronica della cantante e producer americana Danielle “Danz” Johnson. Su System failure abbiamo recensito già “Davos” della cantante e producer americana. Ora abbiamo ascoltato il suo appena uscito “Danz”(pubblicato con Channel 9 records) e quelle che seguono sono le nostre considerazioni a riguardo.

Dopo Amnesia in stile Vangelis con spirali sonore tanto contorte arriva la tanto ariosa Nebraskaland che ci ricorda altri pezzi già ascoltati in Davos. Poi arriva Ordinary life e qui abbiamo sonorità da videogame/dream pop tipiche di Computer Magic.

Anche qui tappeti sonori tanto ampi che ci travolgono letteralmente. In Delirium abbiamo ambientazioni sonore più dark e più marcate che si intervallano con arpeggiatori più luminosi. Uno dei migliori pezzi dell’album quest’ultimo.

Ecco che arriva Teegra con altre sonorità dure già trovate nella canzone precedente. Qui abbiamo anche sonorità enigmatiche/sinistre che si accompagnano con refrain pieni di fulgore. Perfect Game è un pezzo che porta la nostra mente a qualcosa di electro pop degli anni 80 del secolo scorso(Madonna per fare un esempio) che con le loro sonorità tanto influenzano Computer Magic.

Poi arriva Data con i suoi suoni sci-fi. Infatti, la musica di Computer Magic è musica che spesso ci porta nello spazio profondo. Anche Space and time arriva con i suoi arpeggiatori ancora sci-fi. Una canzone tanto evocativa quest’ultima. Ecco Drift away con i suoi tappeti sonori sempre tanto sci-fi e con le sue “epifanie” penetranti. Conclude il tutto Clouds. Quest’ultima è tanto travolgente e stupefacente con le sue aurore sonore.

Davos a nostro giudizio ha molto più appeal di Danz. È migliore come album. Quello che non cambia nei due dischi è la produzione ed elaborazione sonora eccellenti. Di certo Computer Magic fa a gara con Grimes per il trono di “regina del dreampop” anche se propone sonorità un po differenti da quelle del “folletto di Montreal”. A volte anche no: l’afflato avant-pop delle due sembra tanto simile. Per genialità sono entrambe prodigiose e per gli amanti del dream pop sono da delirio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*