Crea sito

Cilver – Not the end of the world

I’m America ci introduce al nuovo album di Cilver, alternative rock band di New York. Tale album si chiama Not the end of the world. I’m America è una canzone con riff potenti e grande energia, tutto in linea con lo stile alquanto aggressivo di questa band americana. La voce di Uliana Preotu è colonna portante di questa band, voce suadente e piena di autorità, voce alquanto ammaliante.

In my head presenta un ritmo arrembante e pulsante. Questa band irrompe sulla scena sconvolgendola del tutto: una band che mira a travolgere l’ascoltatore come un uragano. Breakfree arriva come una “meteora infuocata” che intende distruggere tutto. Questa band offre un messaggio e una musica alquanto dirompente. Gothic metal e alternative metal sono alcuni generi nei quali possiamo inserire questa band.

Headstone si presenta, come altre canzoni della band, con scariche sonore di potenza non indifferente. La voce di Uliana dona al sound di questa band impeto e aggressività. Le grida di Uliana sono davvero impressionanti a tratti e sono accompagnate da un sound di incredibile robustezza.

Afterlife comincia dei tappeti sonori cupi e tenebrosi sui quali si inserisce il cantato terribilmente potente di Uliana. Rabbia e cupezza caratterizzano questa canzone come altre della band americana. Le tenebre sono il tema dominante di questo album e della band, in generale, tenebre dense di energia e di irruenza.

Bleed for you e altre canzoni fanno pensare a New Years Day, un’altra rock band americana. Cilver è una band dal sound ben riconoscibile, band che va affiancata a tante altre band della scena alternative rock e gothic metal, band che differisce da tante altre per una potenza sonora alquanto furibonda e pimpante.

Frozen comincia in modo morbido con un piano e poi la canzone si apre mostrando una potenza disarmante. Uliana dimostra di saper fare tante cose con la sua voce alquanto poliedrica.

http://cilverband.com/