Crea sito

Bye Bye Japan – è uscito il singolo “Look at me”

Attivi dal gennaio 2015, i Bye Bye Japan nascono per impulso del bassista Massimiliano Amoroso, fondatore e songwriter della band. Dopo diversi avvicendamenti, approdano nella band la cantante Fabrizia Bello ed il chitarrista Valerio Frosini.

La band ha all’attivo una demo (intitolata “Demo”), due 45 giri in vinile intitolati rispettivamente “Bye Bye Japan” e “14” (quest’ultimo registrato con Paolo Mauri, produttore tra gli altri di Afterhours, Le luci della Centrale Elettrica, Prozac+, etc) ed un album intitolato “In the cave”, prodotto in collaborazione con D-Cave Records, etichetta catanese capitaneggiata da Daniele Grasso (già produttore di Afterhours, Greg Dulli, Hugo Race, etc). Tutti i brani della band sono distribuiti sui principali digital stores (iTunes, Spotify, etc).

I singoli della band, intitolati “Time to do something” e “Crickets”, ottengono da subito un’ottima risposta in diverse radio estere e la band raggiunge la top 50 nella European Indie Chart. Scala anche diverse classifiche di siti e riviste specializzate (Meet’n’radio, Meet’n’video, Muzikult).

Ottime le recensioni su tantissimi portali di genere e su riviste e quotidiani, anche nazionali tra cui La Repubblica che ne ha parlato sul proprio sito ufficiale pubblicando il video del loro secondo singolo, Rumore, Rockerilla, Raro, etc…

Il brano “Time to do Something” viene inoltre inserito nella trasmissione “Fuori Roma” a cura di Concita De Gregorio (RAI 3). La band ha all’attivo anche 4 video ufficiali pubblicati su Youtube: “Time to do something”, “Crickets”, “I need to sleep” e “The Bump”. I video di “Time to do something” e di “Crickets” sono stati selezionati e pubblicati da Blank Tv, noto canale di Youtube dedicato al punk americano.

Presentazione del singolo “Look at me”:

Reduci da una profonda ristrutturazione della line up, i Bye Bye Japan si riformano attorno al fondatore e bassista Massimiliano Amoroso. La nuova formazione si presenta con Fabrizia Bello alla voce e Valerio Frosini alle chitarre. Per l’occasione la batteria viene affidata a Danilo Spinoso.

La band palermitana torna con un singolo totalmente auto-prodotto. Registrato dallo stesso Valerio Frosini presso il proprio studio (Mind House) è stato revisionato da Massimiliano Bellavia e missato e masterizzato da Filippo Strang(VDSS Studio).

Il brano parla della sovraesposizione mediatica a cui tutti ci stiamo esponendo in questo momento storico. Le recenti vicende riguardanti il Covid19 ed il successivo lock-down, ci hanno dato la possibilità di esporci sempre di più, lasciando ormai davvero labili confini tra il verosimile ed il reale. La realtà, per come la conosciamo, sta mutando. Siamo sempre più schiavi, ma sempre più protagonisti. Chiusi in stanze mentali, ci crediamo liberi e continuiamo imperterriti a mostrarci, a metterci in vetrina. L’imperativo sembra essere attirare l’attenzione. In ogni modo. Con ogni sforzo plausibile. Tutti sembrano gridare: “Guardami”, appunto “Look at me”. Sicuro che non stiamo sbagliando niente? Ma soprattutto, ci vuole più coraggio ad essere schiavo, o a non esserlo? Questo il semplice interrogativo che si pone la band palermitana.

Musicalmente, la band del capoluogo siciliano, torna alle sonorità originarie e presenta un sincero post punk, in cui si possono facilmente intercettare influenze garage e noise. I punti di riferimento rimangono gli Yeah Yeah Yeahs, i Sonic Youth, ma c’è anche qualcosa che ci riporta al sound semplice e diretto dei Ramones e agli arpeggi dilatati e sognanti di Robert Smith. Il tutto cercando di non essere né derivativi, né caricaturali, ma cercando una propria via nell’alternative internazionale.

Recensione del singolo:

Un refrain di chitarra fa da tema conduttore nell’esordio della canzone su ritmica solida e trasportante. Il cantato di Fabrizia Bello ricorda vagamente Siouxsie dei Siouxsie and the banshees. Stupende come si legano le variazioni nella canzone tra loro con solo di chitarra a spezzare il ritmo. Inserti psych arrivano ad arricchire una canzone che risulta tanto stimolante per l’ascoltatore con sonorità tipicamente alternative rock degli anni 80-90. Bello l’arpeggio che ha la funzione di imprimatur.

Magnifica la dinamica del pezzo. Songwriting, produzione, mixing e mastering tutto superiore all’85/100. Una canzone simmetrica con diverse divagazioni sul tema portante.

Fabrizia Bello è la nuova punta di diamante della band per stordire malcapitati ascoltatori insieme all’armamentario/sound ben congegnato dalla band. “Look at me” va messo a palla nelle casse sgangherate della nostra auto malandata: ripetuto un casino di volte se vogliamo veramente entrare nel viaggione e vogliamo cacciare fuori di noi stessi il demone interiore delle pulsioni finalmente non più taciute…

Line up:

Fabrizia Bello(voce)

Valerio Frosini(chitarre)

Massimiliano Amoroso(basso)

Genere:

alternative rock

Autori del singolo “Look at me”:

Massimiliano Amoroso, Fabrizia Bello, Valerio Frosini, Fabrizio Mascali, Danilo Spinoso

web links:

https://www.facebook.com/ByeByeJapan/

https://www.instagram.com/bye_bye_japan/

https://soundcloud.com/byebyejapan

https://www.youtube.com/channel/UC7wGhtBAOQGGSaHVcDiCJqA

https://open.spotify.com/artist/6apWlJminrVMHZJ36Gl0Yx