>>Nine Million Witches – The Rapture

9 MW (aka Nine Million Witches) è una band francese alternative rock/stoner pop/fuzzy blues power formata da Damien Landeau(voce, chitarra, sintetizzatore), Ludovic Landeau(batteria, voce) e Ludo Bunel(basso, voce, sintetizzatore).

La band ha pubblicato il suo album di debutto dal titolo The Rapture, pubblicato l’11 ottobre per Dirty Motel Records & TFT Label/Radar Musique (Bow Low, The Slaughterhouse Brothers…). Questa band è per gli amanti di Queens of The Stone Age, Open Hand, Them Crooked Vultures. System failure ha ascoltato The Rapture e queste sono le nostre considerazioni.

How long?, primo pezzo di The Rapture  ci è sembrato un pezzo davvero scalpitante e oltremodo irruente. How long? ti colpisce al petto con tutto il suo impeto furibondo. Riff portentosi e assoli strabilianti attraversano il pezzo che si presenta con un cantato alquanto appassionante. Che bordate sonore ascoltiamo in questo pezzo. La title-track The Rapture è meno cupa della canzone precedente ma ugualmente travolgente. Questa canzone presenta un entusiastico fervore.

Poi arriva Drop Ur Gun con la sua atmosfera oltremodo tetra. Qui l’influenza grunge e alternative metal è proprio evidente e, ascoltando questa canzone, come non pensare ad Alice in Chains. La musica di Nine Million Witches è davvero appassionante e travolgente, è musica piena di passione e tormento, come ascoltiamo in Drop Ur Gun.

A Wicked Game ci ha subito fatto pensare a Wolfmother per i riff. Anche questa canzone presenta un’atmosfera piuttosto dark. In Ready for the night luci e tenebre si mescolano: questa canzone ci porta in un luogo di mille luci fosforescenti. C’è tanta dolcezza e delicatezza in questo pezzo. Ascoltiamo sonorità abbastanza pop in Ready for the night.

La musica di Nine Million Witches è aggressiva, è sognante, è densa di tetraggine etc.: è questo e altro ancora…Soon ! They’re Coming ! offre, tra l’altro, delle fiammate ruvide e marcate come How long?. Anche qui troviamo sonorità abbastanza pop. Glass tears chiude le danze con altri riff decisi e marcati.

Il pezzo che più ci è piaciuto di questo album è Drop Ur Gun. Pensiamo che questa band deva direzionarsi verso le sonorità di questa canzone per esprimere tutto il suo talento. The Rapture, nel complesso, è una prova discreta. Ci aspettiamo di più da questa band dalle grandi qualità. Per ora ci accontentiamo di questo album con Drop Ur Gun, una perla di rara bellezza

pagina facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *