Intervista a Last 4 minutes

1)Benvenuti su System failure. Presentate la vostra band ai nostri lettori. Parlateci di come si è formata. Insomma raccontateci tutto…

Bene grazie mille per l’opportunità anzitutto. Allora i Last 4 Minutes nascono ufficialmente nel 2015, nella zona del Monferrato. In verità la line up della band esisteva già da qualche anno prima, ma si può dire che suonavamo per puro gioco: qualche prova, qualche piccolo spettacolo e niente di più. Nel 2015 si decide di prendere seriamente in considerazione il progetto e di iniziare a lavorarci. La line up della band è inizialmente formata dal trio Giacomo Jack Coppo (chitarra e backvocals), Alex Albu (voce e tastiere) e Alessandro Re (batteria), la quale viene completata definitivamente con l’arrivo di Leonardo Leo Coppo (basso) e Marco Rossello (chitarra e backvocals). Sottolineo che sin dall’inizio e ancora adesso, in parte, le influenze e i gusti musicali di ciascun componente sono state diverse ma la voglia di suonare e comporre insieme andava oltre, e si decise quindi di sfruttare queste discordanze a nostro vantaggio. Fin da subito vengono composti i primi inediti, in maniera naturale e senza pensare ad un genere particolare, portando la band ad assumere un tono pop rock, con influenze funky, rap, hard rock, dance e alternative. Abbiamo subito mosso i primi passi nel panorama musicale locale, ottenendo un buon riscontro e suonando in vari locali, sia come head che come gruppo spalla, e contest locali e nazionali (es. Tour Music Fest). Proponevamo una scaletta composta sia da cover che inediti. A febbraio 2017 abbiamo deciso di dar vita in maniera concreta al progetto. Come prima pubblicazione viene scelta la rockeggiante “Rock Girls”. Il brano è stato interamente scritto e composto dalla band, insieme al video correlato. E’ stato ufficialmente lanciato il 26 settembre 2017 sui canali Youtube e sulle maggiori piattaforme digitali.

2)Ora parlateci del vostro background musicale e nominate 3 album che hanno segnato la vostra vita…

Questa è una domanda difficile. Tre album in particolare che hanno segnato la nostra vita non credo ce ne siano. Ognuno di noi ha il proprio artista preferito, i propri album… alcuni combaciano e altri no… Comunque possiamo affermare che a influenzarci notevolmente sono principalmente i seguenti artisti Maroon 5, Bruno Mars, One repubblic, The police, Red hot, Lenny Kravitz, Muse, oltre a tutti i grandi artisti e gruppi anni 80′ e 90′.

3)Come nasce in voi la passione per la musica?

La passione nasce proprio dalla musica: un brano che ti emoziona, uno spettacolo o una coreografia che ti fa rimanere a bocca aperta, l’energia che si vive andando ad un concerto live… Sono questi gli elementi che hanno portato ogni membro ad avvicinarsi alla musica innestando la voglia di imparare a suonare uno strumento.

4)Su System failure abbiamo ospitato il vostro video dal titolo “Rock Girls”. Come è nato? Avete qualche particolare aneddoto da raccontare?

L’idea del video è nata da Giacomo e Alex. E’ nata semplicemente parlando una sera a cena, durante un brainstorming non voluto. In seguito da idea nasce idea e abbiamo scritto tutto lo script. Di aneddoti legati alla preparazione e realizzazione del video ce ne sono parecchi. Come si può vedere ci sono tanti personaggi, alcuni di essi molto comici. Quindi potete immaginare. Vi dico solo che è stata una faticaccia. Ma non ci siamo mai divertiti così tanto…

5)Come nasce una vostra canzone. Parlateci del processo creativo…

Posso tranquillamente affermare che le canzoni nascono in maniera del tutto naturale: un riff portato in saletta, un motivo cantato sotto la doccia. Solitamente la melodia, il riff principale nasce da me o da Marco, portato in saletta se piace e ci prendiamo bene iniziamo a lavorarci su. I testi sono tutti scritti da Alex, mentre in seguito tutti gli altri strumenti, i cori e i vari arrangiamenti vengono scritti e stabiliti lavorando insieme.

6)Se la vostra musica fosse una città a quale assomiglierebbe? E se fosse un cocktail?

La nostra musica potrebbe assomigliare a Hollywood, un quartiere dove si possono ricreare vari tipi di ambienti a seconda del film che si vuole girare. Come cocktail? Davvero non so rispondere… ora proviamo a farcene uno “customizzato”, poi vi faccio sapere come si chiama e che gusto ha…

7)Quali sono i vostri punti forza?

Il nostro punto di forza sono le idee ed il fatto che non ci precludiamo niente. Amiamo la musica, tutta: se una canzone nasce pop la facciamo pop, se nasce rock la facciamo rock… Certo, cerchiamo di lavorarci sempre per donare a ciascuna di esse un elemento originale. Per ciò che riguarda invece il live, bè immagine, ed energia.

8)Quale è la vostra massima aspirazione come band?

Bè se mi chiedete l’aspirazione MASSIMA vi devo rispondere che è quella di cercare di raggiungere i migliori traguardi possibili, consci delle proprie possibilità dei propri limiti e delle difficoltà intrinseche del panorama musicale. Ma penso che sia l’aspirazione di ogni artista. Tutti sotto sotto sognano un tour mondiale in stadi o palazzetti, anche se a volte non lo ammettono…

9)In quale festival italiano o straniero sognate di suonare?

Certamente Glastonbury o il Lollapalooza…scherzi a parte, come ho detto l’obiettivo è quello di migliorare costantemente… ci vuole fatica e dedizione.. un passo alla volta…

10)E’ stato un piacere intervistarvi. Per concludere la nostra chiacchierata lasciate un messaggio ai nostri lettori…

Grazie per averci concesso questo piccolo spazio, a tutti i lettori diciamo semplicemente che le novità che arriveranno a breve sono tante. Quindi seguiteci e supportateci, su tutti i nostri canali … cercheremo di migliorare continuamente e di proporre sempre qualcosa di nuovo… vi sorprenderemo!

weblinks:

AppleMusic/Itunes: https://goo.gl/82oA8U
Spotify: https://goo.gl/g9CbUh
Amazon: https://goo.gl/3nN2Cc
Deezer: https://goo.gl/c7ebXU
GooglePlay: https://goo.gl/8aVBpZ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*