Intervista a Masstang, Atomik Tags e Lozz

1)Bentornati su System failure. Abbiamo ascoltato il vostro REMIX-1, un EP all’insegna della cupezza, cupezza che è una delle peculiarità del sound dei Masstang. REMIX-1 ci porta in “lidi oscuri”(ancora più cupi rispetto a Visioni) con sonorità asciutte, suggestive, ipnotiche. Allora, come è stato lavorare con Atomik Tags e Lozz? Perché la scelta di tali sonorità?

Ciao a tutti, siamo felici di essere di nuovo ospiti di System Failure. Per questo miniEP REMIX-1 cercavamo qualche producer alla nostra portata che però avesse personalità e fosse conosciuto anche a livello internazionale. Ci siamo affidati al nostro Produttore Artistico Bonnot per farci consigliare e diciamo che il profilo di Atomik Tags è uscito immediatamente. Ha già firmato produzioni di livello anche per la Hospital Rec. E già abbiamo detto tutto!!! Lozz è stata una piacevole scoperta… si sente l’ardore della sua giovane età è ci è subito piaciuto per portare il sound di Masstang su delle direzioni super attuali.

2)Che strumentazioni sono state usate per la creazione di questo EP?

Per realizzare i remix si forniscono gli stem originali delle tracce di voce, strumenti, synth, e beat, ai producer che poi li manipolano come vogliono con le attrezzature che preferiscono… quindi non sappiamo con cosa hanno lavorato ma il risultato ci piace ahahaha!!

3)E’ stato difficile registrarlo? C’è stata qualche difficoltà? Qualche aneddoto particolare da raccontare?

Non essendo un disco di inediti non abbiamo registrato nulla perché il materiale esisteva già dalle registrazioni dell’album. No non abbiamo incontrato difficoltà anzi i pezzi sono usciti subito bene!

4)Tra le tre quale traccia preferite?

Hahahaha!!!! Qui il giudizio è veramente soggettivo… Mettiamoli tutti allo stesso piano perché sono veramente tre bombe!!

5)Ora chiediamo ad Atomik Tags e Lozz di presentarsi ai nostri lettori. Raccontateci tutto di voi: che musica fate, come è nata in voi la passione per la musica elettronica, che ambizioni avete per il futuro…

Ciao Mi chiamo Antonio (Atomik Tags ) . . Ho iniziato circa 12 anni fa a fare drumnbass stampando numerosi vinili oltre che releases digitali. Ora sono in una fase di transizione, sto lavorando ad un nuovo progetto Hip Pop Indie rock electro ecc ecc dove canto, affiancato da Nancy alla voce, oltre che produrre. Tutto in inglese (mia lingua madre ) e con collaborazioni varie. Il progetto si chiama “WELCOME” e sarete omaggiati di press pack e demo appena pronto 😀

Il progetto Lozz è nato nel 2012 quasi per gioco: dopo aver sentito “Scary Monsters and Nice Sprites” di Skrillex e “Death USB” di Salmo, decisi di voler contribuire al genere. Nel passare degli anni però la scena dubstep è diventata estremamente monotona e poco innovativa, perciò indirizzai l’ascolto su altri generi con un sound pesante ma ricco di originalità. Fu così che scoprì la bass house, un ibrido perfetto tra la dubstep e l’house. Il primo artista che mi fece innamorare fu Habstrakt, seguito poi da Joyryde e Malaa. Per quanto riguara il mio futuro, non prevedo e non pretendo di diventare una “star” o un nome riconosciuto a livello mondiale (nonostante io provi costantemente a rilasciare su label parecchio grosse), amerei però avere l’opportunità di vivere decentemente lavorando come fonico.

6)(Sempre rivolto ad Atomik Tags e Lozz)Parlateci del vostro background musicale…

Atomik Tags: ho studiato musica classica per chitarra da piccolino (terzo anno di conservatorio ).. poi ho suonato per molti anni in un gruppo crossover punk rock electro. Ho studiato midi e fonia presso il Saint luiss college of music (dove adesso tengo un corso di fonia radiofonica ) e al Point Blank London in Inghilterra . L’amore per la Drum n bass e’ arrivato circa 12 anni fa. In questi anni oltre alle produzioni mi sono cimentato nel sound design lavorando con Native instruments e Loopmasters.

LOZZ: Sono cresciuto ascoltando Hard Rock e Heavy Metal, grazie all’influenza del mio unico fratello maggiore. Di conseguenza ho sempre ripudiato la musica elettronica con falsi pregiudizi e pura ignoranza. Essendo quindi un appassionato di Rock iniziai a prendere lezioni di batteria attorno ai 13 anni e, assieme a mio fratello, formai una cover band. Come batterista non ho mai avuto l’interesse di “sfondare” nel mondo della musica, per me è puro divertimento e svago, cosa che puo venire a mancare a volte quando si abbina la musica al lavoro.

7)Ora torniamo ai Masstang. Qualche anticipazione riguardo il vostro nuovo album?

Possiamo dirvi che abbiamo già diverso materiale in lavorazione, probabilmente a dicembre entreremo in studio per lavorare sul primo nuovo inedito… Forse cambieremo strategia rilasciando materiali poco alla volta… vediamo

8)Quali sono i prossimi traguardi per i Masstang?

Prepareremo i provini dei nuovi pezzi e li presenteremo a qualche etichetta più grossa e vediamo se riusciremo ad avere l’interesse di players più importanti… Di sicuro un agenzia di Booking che ci permetta di girare di più.

9)Spiegate, con una sorta di appello, perché un eventuale ascoltatore dovrebbe ascoltare REMIX-1?

Se ti piace L’EDM, la drum n bass che ha uno stile da paura e suoni i cupi della trap… allora ascolterai il nostro REMIX-1 e magari se sei un DJ te lo scaricherai AGGRATIS per suonarlo nel tuo club!!!! Hahahahaha!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*